Uilpa: importante incontro sui problemi degli uffici giudiziari

615

COMUNICATO STAMPA del 27 novembre 2018

 

Importante incontro quello tenutosi nei giorni scorsi con il Sottosegretario alla Giustizia On. Vittorio Ferraresi, volto a focalizzare ed analizzare le ataviche criticità che giornalmente si vivono negli uffici giudiziari dell’intera Calabria ed in modo particolare in quelli di Reggio Calabria, con la quotidiana umiliazione delle aspettative dei dipendenti.
Questo è quanto afferma Patrizia Foti, segretario generale territoriale della UILPA di Reggio Calabria, che dichiara di condividere appieno limpegno assunto dal nuovo Ministro della Giustizia on. Alfonso BONAFEDE, in seno allo stanziamento dei 500 milioni di euro destinati al Ministero della Giustizia e per lassunzione degli oltre 5000 dipendenti amministrativi deputati allo stesso dicastero; Auspico prosegue Foti – che i dati messi sul piatto siano reali e non pubblicizzati solo per mero populismo e che, ancora una volta, il distretto di Reggio Calabria, baluardo della lotta alla ndrangheta, non sia penalizzato da uningiusta ripartizione delle risorse umane ed economiche.
Dopo 20 anni di blocco delle assunzioni nellalveo del Ministero della Giustizia e della paralisi degli uffici giudiziari a causa della carenza di personale su tutto il territorio nazionale, la continuità con la linea politico amministrativa del Ministro Andrea Orlando, in tema di investimenti di risorse nel capitale professionale ed umano di questo Paese chiosa ancora Foti – è una notizia che ci rende felici come lavoratori del comparto giustizia e che ci permette di sottolineare, con un analisi oggettiva dei dati, che il territorio reggino (unico in Italia assieme a quello di Lecce), dopo lassunzione di 2390 unità, è quello che ha subito il minore decremento di scopertura organica; a differenza, solo come esempio, del distretto di Milano che ha beneficiato di un incremento di copertura organica pari quasi al 10%, a fronte del solo 0,2% a carico del distretto di Reggio Calabria.
I numeri elencati sono drammatici ed estremamente penalizzanti per un distretto della consistenza di Reggio Calabria, che non è solo una tra le 15 città metropolitane italiane, come Milano e Bari, ma è anche un territorio che in maniera più appropriata è definibile come un vero e proprio luogo di frontiera antimafia nella lotta alla criminalità organizzata, unico in Italia per la penetrazione di tale fenomeno nel tessuto sociale.
Non è possibile pensare alle ulteriori 200 assunzioni allinizio del 2019, che potrebbero tradursi, alla fine dello stesso anno, in oltre 2.000 unità di neo assistenti giudiziari, aggiuntivi ai poco meno delle 3.000 già in servizio, senza programmare tempestivamente un assestamento del personale che tenga conto delle carenze organiche degli uffici giudiziari reggini.
Queste scelte distributive miopi e frutto di azioni precipitose nelle nuove assunzioni tuona Patrizia Foti hanno costretto alcuni dei nuovi 1400 assunti, ad emigrare in sedi distanti circa 1.200 km dalla regione di residenza, con i conseguenti disagi familiari ed economici, che ciò comporta.
Altro argomento spinoso e non più tollerabile è quello che riguarda ligiene e la sicurezza degli Uffici giudiziari dell’intero Distretto reggino, per il quale si è più volte inasprita la lotta sindacale con vari stati di agitazione del personale e riunioni in Prefettura, oltre allintervento del Segretario generale nazionale della UILPA Nicola Turco ed allinterlocuzione col sottosegretario Ferraresi, al quale sono stati evidenziati i rischi derivanti dalle gravi criticità infrastrutturali, in modo particolare per quelle del Cedir, dove si registra una tangibile scarsità di igiene, aggravata dal numero cospicuo di fascicoli e faldoni riposti nei vari corridoi e anticamere e che potrebbero procurare, a causa dell’eccessivo carico, una instabilità dellintera struttura.
Anche la mancata disinfestazione – più volte sollecitata dalla Uilpa – e gli scarsi provvedimenti intrapresi dagli enti preposti, accentuano il malessere dei lavoratori, che si trovano costretti a fare i conti con sporcizia, insetti ed animali non domestici.
Lo scorso 14 novembre, data dellultima riunione delle RSU del Tribunale di Reggio Calabria, si sono ancora una volta evidenziate le suddette criticità in materia di igiene e sicurezza, per le quali non sono ancora state intraprese le azioni necessarie al loro
superamento, oltre a quelle relative alla parziale applicazione dei protocolli dintesa sottoscritti con i Presidenti delle Sezioni Penali.
A peggiorare le condizioni del personale si aggiunge anche la comunicazione ricevuta dai dipendenti, a firma del Dirigente del Tribunale, che rileva la mancanza di copertura economica per il giusto pagamento delle ore di straordinario maturate.
Situazione questa, che la Uilpa ha da tempo denunziato e che, a tuttoggi, attende un tavolo di confronto con la Dirigenza.
Auspico – incalza Patrizia Foti che la recente tappa del Presidente del Consiglio Conte a Reggio Calabria, non sia solo una sterile visita istituzionale, ma possa essere foriéra di quegli avvenimenti necessari ad apportare i giusti riconoscimenti e soluzioni per risolvere le problematiche che attanagliano i lavoratori reggini della giustizia. Le parole di Conte echeggiate a piazza Italia, hanno unassonanza indiscutibile con lo stato attuale della nostra città e, in particolare, con quello dei palazzi giudiziari reggini, È una visita che arriva con ritardo perché avrei voluto farla prima; la Calabria è una regione un pò trascurata, per ragioni geografiche, per ragioni di collegamenti sia del sistema viario che ferroviario, quindi volevo dare la testimonianza dellattenzione dellautorità di governo, sono già venuti dei ministri ovviamente, ma anche del presidente del Consiglio, verso questa regione. E una regione molto sofferente, con grave disagio sociale, ne siamo perfettamente consapevoli.
È proprio a questa consapevolezza conclude Foti – che ci appelliamo affinché il Ministro Bonafede e il Sottosegretario con delega alla Giustizia, attui al più presto tutte le azioni necessarie alla risoluzione della cancrena che sta completamente attanagliando gli uffici giudiziari del Distretto di Reggio Calabria, investendo concretamente in risorse umane, economiche e che adotti provvedimenti urgenti in materia di sicurezza, a tutela del personale, degli operatori e dellintera utenza.

Fabio Maragucci
Ufficio Stampa
UILPA di Reggio Calabria

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.