Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

CANOLO (RC): I COMMISSARI PARLANO A PROPOSITO DEL RISCHIO CHIUSURA DELLA MERIDIONALE INTONACI

328

La Ditta Meridionale Intonaci di Canolo, storico stabilimento che rappresenta una delle pochissime e solide risorse lavorative della locride è a rischio chiusura. L’azienda, che attende da quasi tre anni da parte degli organi competenti il rinnovo dell’autorizzazione ad estrarre il materiale dalla cava, adesso presenta delle forti preoccupazioni per le sue sorti e soprattutto per il futuro dei circa 30 dipendenti che temono fortemente il sopraggiungere di una lettera di licenziamento tanto che sono stati allertati anche i sindacati. La concessione novennale per lo sfruttamento della cava di Canolo da parte della Meridionale Intonaci è scaduta da tempo e da circa tre anni sono iniziate le pastoie burocratiche per farla rinnovare. L’azienda lavora da circa mezzo secolo ed ha garantito nel tempo dignità lavorativa e solidità economica a tantissime famiglie. La ditta Gullaci aveva già inviato una lettera di preavviso di licenziamento a causa dell’insostenibile situazione che si sta registrando nell’indifferenza generale delle autorità preposte.
A tal proposito si esprimono il commissario Dott. Umberto Pio Antonio Campini -Viceprefetto e Dott. Cosimo Facchiano – Funzionario Economico-Finanziario, che aggiunge che non si tratta di un problema di “materiale che manca”, ma piuttosto che “in un anno questo materiale non è stato prelevato, altrimenti sarebbe andato in produzione.
L’azienda dà lavoro a circa 30 dipendenti con un indotto che coinvolge indirettamente circa 50-60 lavoratori e, a quanto hanno detto i titolari, ha già dovuto rinunciare a numerose ed importanti commesse con il rischio di vedersi accollate anche onerose spese di risarcimento danni per eventuale inadempimento contrattuale. La mancata concessione porterebbe alla chiusura.
Una chiusura devastante per i dipendenti e per le famiglie che neanche a Natale possono respirare aria di speranza per una situazione che sconvolgerebbe la vita di troppo persone.

INTERVISTE ALL’INTERNO DI TG NEWS

MARCELLA MESITI|redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.