Dom. Mag 16th, 2021

E’ storia vecchia quella del tubo rotto sotto il ponte Allaro collegato all’impianto di depurazione di Roccella, mentre l’attenzione si concentra proprio oggi sull’inizio dei lavori del guado, il liquame fognario che fuoriesce dalla condotta rotta finisce in mare. Qualcuno direbbe il solito problema, questa volta però , dopo le tante segnalazioni l’Avv. Femia di Attiviamo Caulonia ha deciso di denunciare il fatto in maniera formale facendo così mobilitare le autorità competenti. E’ vero siamo in Inverno e certamente non ci preoccupano i divieti di balneazione, ma il problema dello sversamento a mare rimane una costante che più volte è stata documentata e filmata. Se poi si analizza il debito che il comune di Caulonia deve al depuratore consortile di Roccella Jonica , parliamo di più di mezzo milione di euro, per quote mai pagate, si comprende che, oltre al danno ambientale anche la beffa, cioè quello di rischiare di pagare un servizio mai utilizzato a pieno visto che una parte del liquame finisce in mare.

Giuseppe Mazzaferro | direzione@telemia.it

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.