DOPPIO SEQUESTRO, FERMATI CIRCA 2 QUINTALI DI FUOCHI D’ARTIFICIO ILLEGALMENTE DETENUTI E DENUNCIATI DUE RESPONSABILI.

256

I militari della Compagnia Guardia di Finanza di Rossano e della Tenenza di Corigliano
Calabro, nell’ambito del dispositivo predisposto, nel periodo delle festività natalizie, al fine di
reprimere le violazioni nel settore della illecita detenzione e commercializzazione di fuochi
pirotecnici, hanno sequestrato, nel comune di Acri e di Corigliano – Rossano (CS) circa 200
kg di materiale pirotecnico abusivamente detenuto e denunciato alla competente Autorità
Giudiziaria n.2 cittadini italiani.
Nello specifico, attraverso attività di intelligence e di controllo economico del territorio i militari
hanno individuato, all’interno della zona industriale di Rossano e del centro abitato di Acri,
due magazzini da sottoporre a controllo atteso che, nei pressi degli stessi, erano state
rilevate anomale movimentazioni di persone e mezzi.
Le successive perquisizioni locali, effettuate alla presenza dei proprietari, permettevano di
rinvenire, in entrambi i casi, numerosi scatoloni ammassati contenenti materiale pirico.
I proprietari non sono risultati in possesso della certificazione autorizzativa per il deposito e la
commercializzazione del materiale, concessa dal Ministro dell’Interno e prevista dalla legge
al fine di tutelare l’ordine pubblico, la pubblica incolumità e di prevenire il rischio di infortuni e
incidenti, del quale i soggetti sono risultati sprovvisti.
All’esito delle attività complessivamente svolte venivano sottoposti a sequestro 10.906 pezzi
tra batterie e grossi petardi per un totale di circa 14.704 bocche di fuoco.
I proprietari, entrambi cittadini italiani di cui uno con specifici precedenti di polizia, sono stati
deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari per i reati previsti e
puniti dagli artt. 678 (che prevede l’arresto da tre a diciotto mesi e l’ammenda fino a 247
euro) e 679 (che prevede l’arresto fino a diciotto mesi e l’ammenda fino a euro 1.000.) del
Codice Penale.
Prosegue l’attività della Guardia di Finanza nel contrasto al commercio illegale del materiale
pirotecnico al fine salvaguardare il rispetto delle regole e della legalità e tutelare i cittadini che
rischiano di acquistare prodotti pericolosi e di dubbia provenienza.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.