NATALE : PIATTI CON OLIO, AL TOP ABRUZZO, CALABRIA E CAMPANIA

274

Secondo Oleificio Zucchi a dicembre si consuma il 20% dell’olio extravergine di tutto l’anno. L’abbinamento ottimale sui “passatelli in brodo” ma anche sul “cotechino”.

 

Cremona, 21 dicembre 2018 – Manca poco all’inizio della cena della Vigilia che sancirà l’inizio dei festeggiamenti del Natale e di Capodanno e i vari menù sono pressoché decisi. Saranno tanti e diversi i piatti della cucina italiana che verranno portati a tavola a base di pesce, carne o verdura, tutti naturalmente accompagnati da un buon olio extravergine d’oliva. Il cosiddetto ‘oro verde’ sarà un partner imprescindibile di cenoni e pranzi delle festività.

Secondo le stime fornite da Oleificio Zucchi (leader nella produzione di oli da oliva e di semi con oltre 200 anni di attività), basate sull’analisi degli ultimi dati Nielsen relativi alle campagne olearie 2017 e 2018, circa 7 milioni di famiglie italiane acquisteranno olio d’oliva in occasione di questo Natale. Inoltre, dicembre è il mese in cui si consuma più del 20% dell’olio extravergine consumato durante tutto l’anno, trend in continua crescita negli ultimi anni.

È lo stesso Giovanni Zucchi, Vicepresidente di Oleificio Zucchi, a illustrarci il trend in aumento previsto per questo periodo particolare: “Per le prossime festività, come in occasione di tutte le feste comandate, prevediamo un aumento dei consumi perché le occasioni di convivialità e quindi di incontrarsi con amici e parenti attorno alla tavola faranno aumentare l’utilizzo di olio extravergine di oliva, che è il condimento alimentare più amato dagli italiani. Ci attendiamo largo consumo di questo alimento imprescindibile, nell’abbinamento con i piatti tipici del periodo natalizio ma non solo”. Infatti, come prosegue Zucchi, l’olio d’oliva è un prodotto talmente trasversale e universale da potersi abbinare anche a cibi una volta ritenuti inaccessibili: “I più coraggiosi lo proveranno anche con i dolci. Da poco ho assaggiato una meravigliosa Bavarese di mele e vaniglia e un cioccolato all’arancia, tutti rigorosamente con olio extravergine di oliva!”

Ecco invece quali sono i piatti tipici regionali delle Feste, che meglio si abbinano ad un olio extravergine di oliva, che quest’anni gli italiani vorrebbero sperimentare,  secondo un sondaggio distribuito fra oltre 1000 italiani fra i 18 e i 60 anni.

 

  1. ABRUZZO con la “Zuppa di castagne e ceci”.   33%
  1.  CALABRIA con le “Scillatelle (o fileya) con ragù di maiale”. 32%
  2. BASILICATA con il “Baccalá lesso con peperoni cruschi” (seccati al sole e calati per pochi secondi nell’olio d’oliva bollente). 30%%
  3. CAMPANIA con il “Cappone imbottito e insalata di rinforzo” (cavolfiore, sottaceti misti, peperoni detti papacelle olive di Gaeta e acciughe salate) accompagnato dalle immancabili friselle (crostini di pane circolari) e dai broccoli con aglio e peperoncino. 29%
  4. EMILIA ROMAGNA sui “Passatelli in brodo” ma anche sul “cotechino di Modena”. 28%
  5. FRIULI VENEZIA GIULIA per condire la “Brovada e muset (zuppa di rape e cotechino) con polenta”. 27%
  6. LAZIO per accompagnare il classicissimo “Abbacchio al forno con patate”.  25%
  7. LIGURIA per condire i “Ravioli alla genovese” (ripieno di vitello, animelle, uova, erbe, pangrattato e parmigiano), oppure il “cappon magro” (piatto fatto esclusivamente di verdure o di pesce). 23%
  8. LOMBARDIA sul “Consumè di cappone in gelatina”, oppure per condire i “casoncelli in brodo”. 22%
  9. MARCHE per condire i “Maccheroncini di Campofilone in sugo”.  20%
  10. MOLISE sul “baccalá arracanato” ( mollica di pane aglio prezzemolo origano uva passa pinoli e noci). 18%
  11. PIEMONTE per il “Bue bollito di Carrù e Moncalvo con peperoni in bagna cauda” (salsa a base di olio, aglio e acciughe). 16%
  12. PUGLIA sull “Agnello al forno con lambascioni” (cipolline dal gusto amarognolo che si trovano sottoterra, allo stato selvatico).15%
  13. SARDEGNA per il tradizionale “porcetto al mirto”. 14 %
  14. SICILIA sulla “pasta con le sarde e sarde a beccafico” (ripiene di mollica, pinoli, bucce di arance, foglie di alloro e uva passa). 13%
  15. TOSCANA sull “Arrosto di faraona” ma anche sui “fegatelli e tordi con insalata”. 12%
  16. TRENTINO ALTO ADIGE sia sui “Canederli” (polpettine di pane raffermo, speck, pancetta e salame, farina, uova, latte e brodo condite con spinaci, funghi o fegato di vitello), sia sugli “Strangolapreti” (gnocchetti di pane, latte uova e foglie di coste). 11%
  17. UMBRIA per il “Cappelletti ripieni di cappone e piccione”. 10%
  18. VALLE D’AOSTA sulla “Carbonata Valdostana con polenta” (sottili striscie di carne macerate nel vino rosso con aromi). 9%
  19. VENETO sul classicissimo “Lesso di manzo «al cren» (salsa di rafano) con contorno di purè di patate”. 7%

 

Per gustare al meglio i piatti e i sapori tipici del periodo delle Feste, da Zucchi arriva un altro prezioso consiglio: “Gli chef casalinghi dovrebbero provare lo stesso piatto con due extravergine con profumi e sapori diversi. Le carni insaporite con un olio extravergine che ha una sfumatura di mandorla e un altro con un profumo di pomodoro sono due esperienze profondamente uniche e differenti. L’olio extravergine di oliva è un prodotto eccezionale e il suo gusto straordinario lo rende la scelta migliore per condire, cucinare e conservare il cibo. Ci auguriamo quindi che gli italiani lo valorizzino anche nella cucina delle festività natalizie, assaggiando oli diversi e sperimentando nuovi accostamenti. Sarebbe meraviglioso che in ogni cucina ci potessero essere almeno tre oli extravergine diversi”. E quale momento migliore, per assaggiare nuovi oli, se non la sacra ricorrenza del Natale: “L’oro verde sarà il protagonista di molti piacevoli regali tra amici e parenti. In molte case le festività saranno quindi l’occasione giusta per portare in tavola gli oli freschi di raccolto da condividere insieme”, chiosa Giovanni Zucchi.

 

to

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.