Gio. Mar 4th, 2021

Un pomeriggio quello tenutosi a Il Granaio di Amelia che non dimenticheremo tutto dedicato al grande Mico Cundari. Giuseppe Novelli ne ha ripercorso la carriera televisiva cinematografca teatrale e di doppiatore, Nino Rinaldi tutte le pièces a cui l’ attore ha partecipato in radio e in tv ritrovate in vari Radiocorriere, Attilio Faroppa Audrino lo ha poi intervistato permettendo di conoscere cosi’ vari aspetti anche personali della sua lunghissima e brillante carriera. Mico in conclusione ha declamato due poesie di Salvatore Di Giacomo regalando momenti meravigliosi.
Un incontro che certo rimarra’ fra i piu’ belli. Mico Cundari, celebre attore  di tv e teatro, è nato a Siderno (Rc) nel 1930. Dopo la laurea in giurisprudenza all’università la Sapienza di Roma , ha frequentato i corsi di recitazione dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica  di Roma diplomandosi nel 1952 assieme ad attori del calibro di Luigi Vannucchi , Franco Graziosi, Alessandro Sperlì, Glauco Mauri  e all’allora allievo regista Andrea Camilleri, debuttando nello stesso anno in Amleto, con Vittorio Gassman. Da allora svolge quasi esclusivamente attività teatrale con rare parentesi cinematografiche e più frequentemente televisive. La sua principale attività nel mondo del cinema è quella di interprete e tra i lavori più interessanti possiamo citare la partecipazione nel film Il delitto Matteotti (1973) di Florestano Vancini.  Nel 1972 ha inoltre lavorato con Florestano Vancini per la realizzazione del film Bronte – Cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato dove ha interpretato la parte di Uno dei due preti. Negli ultimi anni ha lavorato stabilmente al Teatro Ghione di Roma  come protagonista fra l’altro de L’avaro di Molière Chi ha paura di Virginia Woolf .   Nella sua Siderno ha ricevuto il Premio Gelsomino d’Oro, attualmente vive ad Amelia in provincia di Roma.

 

lr-ecodellalocride.it

 

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.