CASO SISSY, UN INFERMIERE AVREBBE SENTITO QUELLO CHE ACCADEVA NELL’ASCENSORE DELL’OSPEDALE

914

Ci sono delle novità sul caso di Sissy Trovato Mazza, l’agente di polizia penitenziaria deceduta nei giorni scorsi a Taurianova dopo due anni di coma e intorno alla quale c’è un giallo tutto da decifrare. Dopo la frettolosa richiesta della magistratura veneziano di chiudere il caso come un semplice suicidio ad oggi cominciano ad emergere nuovi e importanti indizi. Come quello di un testimone che avrebbe sentito qualcosa di strano il giorno in cui Sissy è stata  trovata con un proiettile in testa e in una pozza di sangue nell’ascensore del presidio sanitario veneto. Il testimone sarebbe  un infermiere dell’ospedale civile di Venezia dove l’agente penitenziaria si trovava il 1° novembre di due anni fa. Era lì perché aveva scortato una detenuta che doveva partorire. L’importante novità viene confermata da uno dei tre avvocati della difesa che seguono il caso. I legali della famiglia di Sissy hanno chiesto l’individuazione dell’infermiere che si trovava in uno dei piani dell’ospedale che proprio in quel momento e sembra abbia sentito qualcosa di strano e di sospetto avvicinandosi agli ascensori per capire cosa stava accadendo. Bene quest’uomo non è stato mai individuato per essere sentito dagli inquirenti, sottolineano gli avvocati della difesa.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.