Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Clan Santaiti: gran parte dei ricorsi accolti dalla Cassazione

669

La complessa vicenda cautelare ha ad oggetto l’accusa di associazione mafiosa ed altri reati contestata dalla DDA di Reggio Calabria 14 membri della famiglia Santaiti, comprese le donne, più altri presunti sodali, che secondo la Procura reggina rappresenta attualmente il clan mafioso egemone a Seminara.

 

L’originaria richiesta delle misure cautelari aveva registrato una netta diversità di valutazione tra l’Ufficio GIP di Reggio Calabria, che l’aveva respinta, ed il Tribunale del Riesame, che in sede di appello, aveva invece accolto le richieste della Procura.

L’esecuzione dei relativi provvedimenti restrittivi era però rimasta sospesa in attesa della decisione dei ricorsi proposti dagli imputati, che la Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione, all’esito dell’udienza di martedì scorso, ha per buona parte accolto.

Diversi, infatti, i disposti annullamenti senza rinvio del provvedimento del Tribunale della Libertà, tra i quali spicca quello del presunto capo Santaiti Carmine Demetrio, difeso dagli Avvocati Francesco Lojacono e Nunzia De Ceglia.

Stessa decisione per Santaiti Rosa Anna, Santaiti Michele cl.’88, Forcella Carmine, Ottinà Francesco, Ottinà Rocco Giovanni e Davì Maria Luisa, e per Santaiti Saverio Rocco, limitatamente però, per quest’ultimo, ad una ipotesi estorsiva.

Per la posizione di Santaiti Graziella Loredana l’annullamento è stato pronunciato con rinvio per un nuovo esame allo stesso Tribunale della Libertà, mentre i ricorsi dei rimanenti indagati sono stati dichiarati inammissibili.

Al gruppo indagato vengono contestati il controllo delle attività illecite nel territorio di Seminara, le decisioni di sopprimere gli oppositori, la riscossione delle tangenti relative ai lavori di rifacimento del tratto autostradale di riferimento.

Il tutto attraverso accordi mafiosi e spartitori con il clan dei Gallico, di stanza a Palmi.

Alle mogli e figlie dei membri del presunto clan, viene invece attribuito il ruolo di “messaggere” degli ordini impartiti dai detenuti.

La pronuncia della Cassazione, rimette ora in discussione buona parte dell’impianto accusatorio articolato dalla Procura reggina.

cn24tv.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.