LOCRIDE (RC): GIOVEDI’ E VENERDI’ BUFERE DI NEVE FIN SULLE SPIAGGE

1056

 Il 2019 è iniziato con una giornata di Capodanno che si presenta interlocutoria dal punto di vista meteorologico: stamattina al Sud abbiamo avuto la “coda” dell’ondata di freddo e maltempo che ha caratterizzato la giornata di San Silvestro, con nevicate fino a bassa quota, forti temporali, piogge e grandinate fin sulle coste. Spicca la temperatura minima raggiunta stamattina a Catania: appena +3°C. Adesso è tornato a splendere il sole un po’ ovunque e le temperature sono in sensibile aumento. Domani, Mercoledì 2 Gennaio, al mattino avremo ancora ampie schiarite con un ulteriore aumento delle temperature nella prima parte della giornata, ma nel pomeriggio/sera inizierà la grande ondata di gelo e neve che condizionerà tutta la settimana in modo particolarmente intenso sulle Regioni del Centro/Sud. Arriveranno così nuove piogge, temporali e grandinate, con neve inizialmente in montagna sugli Appennini, ma in rapido calo fino a quote dapprima collinari, successivamente dalle prime ore di Giovedì 3 Gennaio anche su coste e pianure.

I giorni più freddi e perturbati saranno Giovedì 3 e Venerdì 4 Gennaio: per 48 ore consecutive le temperature si manterranno su valori polari. Basti pensare che nelle principali città appenniniche (L’AquilaCampobasso e Potenza) la colonnina di mercurio non salirà mai sopra lo zero, e Venerdì 4 scenderà fino a -7/-8°C nelle minime e non riuscirà a superare addirittura i -3°C nelle massime. Sarà un’ondata di gelo molto intenso, con temperature che scenderanno sottozero persino sulle coste del basso Adriatico, in Molise e in Puglia. Ma non sarà soltanto freddo secco: avremo anche forte maltempo con bufere di neve fin sulle coste. Le Regioni più colpite saranno proprio quelle del medio e basso Adriatico (MarcheAbruzzoMolise e Puglia), la Basilicata e il basso Tirreno, tra Sicilia e Calabria meridionale. Rimarranno in ombra pluviometrica invece la Campania (specie costiera) e gran parte della Calabria.

In base agli ultimi aggiornamenti, la neve potrà imbiancare persino le principali città dell’estremo Sud: Venerdì 4 Gennaio potrebbe nevicare a PalermoCataniaMessina e Reggio Calabria, oltre che a Enna e Caltanissetta. Le precipitazioni potranno rivelarsi in alcuni casi abbondanti, soprattutto nella costa tirrenica siciliana, tra Capo d’Orlando e Cefalù. In Calabria, invece, sia Cosenza che Catanzaro rischiano di rimanere a secco per la disposizione delle correnti al suolo. Farà comunque molto freddo: all’alba di Sabato 5 Gennaio Cosenza potrebbe piombare addirittura a -6°CCatanzaro a -4°C. Qualche fiocco potrebbe raggiungere invece Crotone.

Risalendo il Sud, troviamo le Regioni più colpite a est: Puglia e Basilicata saranno “sugli scudi”, con oltre 48 ore consecutive di bufere di neve fin su coste e pianure. Nevicherà tanto a Potenza e Matera, ma anche sulle coste joniche della Basilicata. Tanta neve attesa a FoggiaBarlettaAndriaBariMonopoliBrindisiTaranto e Lecce: per la Puglia sarà una nevicata storica, con accumuli che in alcuni casi potranno raggiungere i 20cm sulla costa e che supereranno i 5060cm in collina sulle Murge baresi. Forti nevicate anche nelle Marche meridionali, in Abruzzo e in Molise: oltre 1015cm di neve cadranno a Termoli, più di 20cm a Pescara dove Venerdì 4 avremo una vera e propria bufera sui litorali. Tanta neve anche nelle zone interne, con possibili sconfinamenti nella Campania dove cadranno almeno 15cm di neve a Benevento, ma potrebbero imbiancarsi anche Caserta e AvellinoNapoli e Salerno, invece, difficialmente saranno raggiunte dalle precipitazioni più importanti, ma comunque nella giornata di Venerdì potrebbero vedere qualche fiocco.

Roma e nel Lazio, invece, splenderà il sole e il gelo sarà secco. Le temperature minime piomberanno su valori polari: nella Capitale avremo valori notturni fino a -4°C, mentre le massime nonostante il soleggiamento faranno fatica ad andare oltre i +6°C.

Ma quest’ondata di gelo e neve, che si concluderà nel weekend dell’Epifania, non sarà isolata. Si prospetta un mese di Gennaio freddissimo sull’Italia, con nuove irruzioni fredde di origine artica in continuazione dai Balcani verso il Centro/Sud. Secondo gli ultimi aggiornamenti dei modelli, la prossima settimana tra 7 e 13 Gennaio ne avremo almeno altre due, di cui parleremo meglio nei prossimi aggiornamenti.

Meteoweb.eu

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.