Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

PORTO, LA STRANEZZA DEI LAVORATORI RIMASTI NELL’AGENZIA DOPO IL REINTEGRO DEGLI ALTRI

160

L’Agenzia del Lavoro del Porto di Gioia Tauro era nata ad hoc per volontà del governo Gentiloni, dell’allora ministro dell’Infrastrutture Delrio, dell’azienda, delle parti sociali, con l’unico obiettivo di formare e ricollocare i 377 lavoratori di Medcenter Container Terminal, l’azienda che gestisce lo scalo gioiese. Ora arriva la stranezza o il paradosso. Perché la gran parte di quei dipendenti licenziati due anni fa dal terminalista sono stati reintegrati dal Tribunale di Palmi con una serie di sentenze del giudice del lavoro che ha visto accolta la loro posizione. In quell’agenzia sono, per così dire, rimasti ingabbiati 40 portuali che per varie ragioni non hanno fatto ricorso al tribunale del lavoro per essere reintegrati. Un quadro complessivo che è mutato e che sta avendo una ripercussione sulle indennità di pagamento di questi lavoratori.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.