Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Teste di agnello mozzate e intimidazioni, blitz contro la ‘ndrangheta a Viterbo: 13 arresti

365

I carabinieri del Comando Provinciale di Viterbo stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Roma su richiesta della DDA di Roma, nei confrontim di 13 persone indagate, a vario titolo, per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso. Numerose le perquisizione in corso. Accertata l’esistenza di un’organizzazione dai connotati mafiosi che avrebbe imposto il proprio controllo su negozi compro oro, locali notturni, ditte di trasloco e attività delittuose come recupero crediti nella provincia di Viterbo.

Le indagini hanno consentito agli investigatori di ricostruire i tasselli di un mosaico che avrebbe portato alla luce un pericoloso panorama criminale. Il sodalizio – con solidi collegamenti con ambienti ‘ndranghetisti – si era imposto a Viterbo e provincia attraverso una serie di aggressioni e gravi atti intimidatori, esercitando un’azione di controllo del territorio. Particolarmente grave l’episodio che hanno visto incendiare l’auto ai carabinieri. Ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare i carabinieri del comando provinciale di Viterbo, coadiuvati dal Raggruppamento Aeromobili di Pratica di Mare, dalle unità cinofile e da militari dell’8° Reggimento Lazio.

Le 13 persone sono indagate, a vario titolo, per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso (art. 416 bis del c.p.). I dettagli saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11 a Roma, nella sede del Comando Provinciale dei Carabinieri alla presenza di Michele Prestipino, Procuratore aggiunto Dda Roma e del colonnello Giuseppe Palma, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Viterbo.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.