BARACCOPOLI SAN FERDINANDO: SI PROSEGUE SULLA VIA DELLO SMANTELLAMENTO

186

L’ennesima tragica morte di un migrante nella bidonville di San Ferdinando sta accelerando quanto già deciso da tempo dalle istituzioni: lo smantellamento di quel che resta della baraccopoli. Ieri è stata una giornata di riflessione e di preghiera dopo l’ultimo extracomunitario morto  per un incendio nella notte di venerdì. Sembra un drammatico copione già scritto che si ripete ciclicamente. Questa volta è toccato al 29enne senegalese Moussa  Al Ba. Da ieri molti migranti, che hanno i requisiti per entrare negli Sprar o nei Cas della regione, stanno scegliendo di essere trasferiti  per una residenza più umana, lasciandosi alle spalle un ghetto fatto di capanne e baracche di lamiera, legno e plastica. Sabato già 20 di loro hanno lasciato volontariamente il sito mentre ieri un altro gruppo è stato trasferito presso il Cas di Mileto e di Isola Capo Rizzuto.

IL SERVIZIO ALL’INTERNO DEL TGNEWS

redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.