Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

BLITZ CONTRO I «FANNULLONI», 13 INDAGATI AL COMUNE DI LOCRI

619

Tredici avvisi di garanzia sono stati notificati questa mattina ad altrettanti dipendenti del Comune di Locri. Il provvedimento arriva al termine di un’indagine dei carabinieri sulla macchina burocratica dell’ente partita in seguito alle denunce del sindaco Giovanni Calabrese. È stato lui, pochi minuti fa, a dare la notizia su Facebook. Secondo quanto filtra, sotto osservazione sarebbero finite 38 persone, ma solo per 13 la Procura di Locri ha ravvisato elementi di reato. Fra loro, ci sarebbero anche due dipendenti comunali già andati in pensione. Tutti o quasi erano stati già denunciati dal sindaco, che nel corso degli anni non solo ha presentato diverse denunce, ma «contro i fannulloni» si è rivolto anche a Gesù Cristo «per chiedere un miracolo». In una sua lettera pubblica, finita all’epoca anche sui media nazionali, Calabrese scriveva «mi rivolgo a te non sapendo a chi altro rivolgermi. Sono costretto ad affermare che solo una minima parte dei dipendenti comunali lavora in modo serio e onesto, mentre tanti altri stanno a guardare in attesa che arrivi il fatidico “ventisette” per potersi vedere accreditato in banca l’importante, ma non sudato stipendio». Provvedimenti più concreti invece li ha adottati circa un anno e mezzo fa, quando sulla base delle nuove norme ha chiesto e ottenuto il licenziamento di un addetto alla manutenzione, abituato ad abbandonare il posto di lavoro per sbrigare affari e incombenze personali.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.