Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

FINISCE LA LATITANZA DEL BOSS SALVATORE BARBARO

301

L’uomo, condannato a 9 anni nel processo “Cerberus”, si è costituito a Milano. È ritenuto il capo dell’omonimo clan di Platì pioniere della colonizzazione della ‘ndrangheta in Lombardia

Si è costituito alla Catturandi di Milano attorno alle 12,30 Salvatore Barbaro, boss dell’omonimo clan pioniere della colonizzazione della ‘ndrangheta in Lombardia. Inseguito da una condanna definitiva a 9 anni per associazione mafiosa e bancarotta fraudolenta rimediata nel processo “Cerberus”, fra i primi a svelare gli accordi e gli affari dei calabresi con la borghesia lombarda del mattone, Barbaro circa un mese fa si era reso irreperibile. Poi, spontaneamente, questa mattina si è consegnato ai carabinieri di via Moscova. A piede libero non è rimasto a lungo. Scarcerato ad ottobre, giusto in tempo per portare all’altare la figlia, Barbaro dopo pochi mesi è tornato in carcere. Ma secondo fonti investigative ha avuto tempo a sufficienza per sistemare successione e affari. Sposato con Serafina Papalia, dell’altro grande casato mafioso di Platì insediato al Nord, per anni Barbaro è stato considerato uno degli elementi di vertice della ‘ndrangheta visibile di Milano. È con lui e la sua generazione, hanno accertato le inchieste, che il clan dei Barbaro inizia gli investimenti nel mattone e tira su miliardi con le lottizzazioni nell’area del Sud Milano. Con lui, nel processo “Cerberus”, è stato condannato definitivamente Maurizio Luraghi, uno dei primi imprenditori lombardi ritenuti soci e non vittime dei clan.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.