Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

I SUPER LICEI MAZZINI ALL’ONU. LA SODDISFAZIONE DEL PRESIDE SACCO

656

Veramente una Scuola Superiore, con la esse maiuscola, i Licei Mazzini di Locri, grazie ad un illuminato professionista di elevato livello, qual è il dirigente scolastico, professore Francesco Sacco, e al proprio staff di collaboratori, a cominciare dalla vice preside Girolama Polifroni. Il preside Sacco, i propri collaboratori, i docenti e non docenti dei Licei Mazzini, nel tempo, hanno reso la scuola locrese un ambiente tipo college, ricco di iniziative culturali, formative, educative, sociali. Una Scuola con oltre mille iscritti, all’avanguardia, fra le migliori d’Italia se si considera che si registra interesse all’iscrizione anche da parte di alunni di altre regioni. In tanti ormai apprezzano la bella realtà locridea, che merita valorizzazione e potenziamento infrastrutturale in tempi rapidi. Fra le tante iniziative, riportiamo, qui di seguito, una relativa un prossimo viaggio a New York  come descritto nell’articolo di un’alunna dei Licei Mazzini, Maria Consuelo Bonfà, della classe 5^G.

IL MAZZINI DIVENTA UNA POTENZA MONDIALE!
Ambasciatori per qualche giorno. Cinque studenti del Liceo G. Mazzini di Locri -accompagnati dalla prof.ssa madrelingua Cassilda Panetta- insieme ad altri seimila di tutto il mondo soggiorneranno a New York dal 28 febbraio all’8 marzo 2019 per simulare i processi diplomatici che si svolgono ordinariamente nel riverente Palazzo Di Vetro, sede dell’ONU.
Learning by doing: un sistema di apprendimento che si basa sulla pratica estemporanea vedrà giovani delegati di tutto il mondo cimentarsi in quelle che sono le funzioni elaborate dai leader internazionali che si trovano ad affrontare problematiche mondiali. Gli studenti vestiranno i panni di chi prende atto del problema e propone soluzioni per risolverlo insieme formulando politiche appropriate. Quali sono gli obbiettivi di questa esperienza? Migliorare la capacità di esprimersi in lingua inglese, avvicinare gli studenti alla realtà cosmopolita, dare voce alle fiorenti idee dei ragazzi che avranno la possibilità di fornire un contenuto concreto alla vera associazione in carica. Ma non è tutto qua, finita l’esperienza alle Nazioni Unite si presenterà il pretesto per visitare alcuni dei centri culturali tipici come il Metropolitan Museum o il MOMA che hanno reso celebre la Grande Mela.
L’occasione è offerta da United Network che ormai da anni si impegna a organizzare l’intero viaggio. Un grazie da parte degli studenti va a quanti si sono prodigati per la realizzazione dell’esperienza e, in particolare al dirigente scolastico prof. Francesco Sacco, sempre aperto verso le iniziative interculturali.
Nel XXI secolo è innegabile l’importanza della comunicazione l’ampliamento degli orizzonti culturali. Incoraggiare progetti del genere significa garantire strumenti che serviranno alla costruzione di un futuro migliore basato soprattutto sul confronto.

da sx le professoresse Circosta e Pizzati, il dirigente scolastico Sacco e la vice Preside Polifroni

Gli ambasciatori scolastici col preside

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.