Il presidente della Regione Toscana alla tendopoli di San Ferdinando, dopo l’ennesima tragedia

231

Nella giornata di ieri il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, giunto in Calabria per una serie di appuntamenti, si è recato presso la baraccopoli di San Ferdinando, in seguito all’ennesima tragedia alla tendopoli, costata la vita al giovane senegalese Moussa Ba. Dopo la visita il governatore toscano ha tenuto una conferenza stampa presso la sede del Comune di San Ferdinando con il sindaco Andrea Tripodi, la segretaria generale della Cgil della Piana di Gioia Tauro Celeste Logiacco, e un mediatore culturale che opera nella zona. Non è mancata la presenza di esponenti e parlamentari di Articolo Uno-MDP.

«Ho visto scene terribili», si esprime in merito il presidente toscano, «ma anche tentativi di recupero e di integrazione. Qui occorre concentrare strategie che accomunano queste due direttrici, integrazione appunto e rispetto dei diritti. Spesso all’esterno », ha aggiunto Rossi, « emergono solo immagini devastanti delle criticità e non degli sforzi per cercare di superare questi problemi. Qui alle ruspe occorre anticipare progetti di accoglienza e di integrazione. So che i problemi sono enormi», conclude,« e per questo occorre lavorare con molto senso di responsabilità puntando sui diritti delle persone, sull’accoglienza umanitaria ma anche sul rispetto della legge»

redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.