IL SINDACO DI LOCRI GIOVANNI CALABRESE NON SI DA PACE.

847

Dopo circa 24 ore reparti ancora isolati.
La malcapitata signora, dopo quattro piani a piedi – portata “come una bella Madonnina”- raggiunge finalmente i reparti di Emergenza Coronarica e Cardiologia al quinto piano dell’Ospedale.
Missione compiuta!!
Esprimo un sincero GRAZIE al valoroso personale ospedaliero, del Pronto soccorso e del 118 che, con abnegazione e coraggio, prestano attività in vergognose e critiche condizioni.
Nella qualità di Sindaco della Città di Locri e Autorità Sanitaria Locale presenterò domani mattina, in nome e per conto di tutta l’Amministrazione comunale, formale esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri, affinché vengano individuati e assicurati alla giustizia i responsabili materiali e morali del disastro sanitario che quotidianamente colpisce i cittadini della Locride.
La signora di ieri sera poteva essere la mamma, la nonna, la sorella o la zia di ognuno di noi che viviamo nella Locride.
Qualcuno non ha ancora capito che le disfunzioni dell’Ospedale riguardano tutti, nessuno escluso, senza differenza alcuna di razza, religione e ceto sociale.
Tutti possiamo avere, all’improvviso, necessità di ricorrere a cure ospedaliere e quindi toccare con mano il problema di una sanità che non funziona o che non funziona per come dovrebbe.
Noi non siamo disponibili a subire in silenzio.
La denuncia e la protesta sono le nostre armi.
Non ci fermeremo fin quando non avremo risposte certe, adeguate e, soprattutto, un ospedale funzionante.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.