Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

OSPEDALI DA INCUBO IN CALABRIA: A DECIDERE È LA ‘NDRANGHETA?

379

 

 

Un testimone ha denunciato i lavori in corso in un ospedale della Calabria mentre i pazienti erano ancora nelle stanze in Rianimazione. Ha chiesto la sospensione del cantiere e si è ritrovato minacciato da Pino Iannacci, il genero di un esponente della ‘ndrangheta

Dopo aver denunciato quei lavori, mi è venuto a trovare Pino Iannacci, il genero di Pesce di Rosarno”, appartenente a uno dei clan più potenti. A dirlo è un testimone che ci riferisce come dietro gli ospedali della Calabria ci sia l’ombra della ‘ndrangheta.

Noi non sappiamo se le sue dichiarazioni siano vere, ma il nostro Gaetano Pecoraro è tornato a vedere l’ospedale di Polistena. Tra perdite d’acqua, infissi che si staccano e porte antipanico chiuse, c’è il reparto di rianimazione completamente nuovo.

Lavori realizzati per 300mila euro in una struttura in cui il pronto soccorso è senza macchinari per i pazienti. “Il costo è passato da 80mila a 280mila euro. Hanno rotto i muri e le porte con i malati dentro nei letti”, ci dice il testimone. Questa struttura costa alle casse della Regione 8 milioni all’anno.

Tutto questo com’è possibile? Gaetano Pecoraro l’ha chiesto alla ministra della Salute. “Siamo messi molto male lì ognuno fa quello che gli pare e nessuno gli dice che non si fa così”, dice Giulia Grillo. “L’unico responsabile è il presidente della Regione. Noi stiamo cercando di capirlo”. Perché lì c’è un problema che si chiama ‘ndrangheta. “E certo”, conferma Grillo.

IL VIDEO

https://www.mediasetplay.mediaset.it/video/leiene/pecoraro-ospedali-da-incubo-in-calabria-a-decidere-e-la-ndrangheta_F309552501008C19

 

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.