Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Catena di solidarietà a Reggio per Antonietta

135

In centinaia hanno preso parte all’iniziativa per stare “vicini” alla donna data alle fiamme dall’ex marito. Alla manifestazione c’era anche la figlia della vittima

C’era anche la figlia di Maria Antonietta Rositani, a Reggio Calabria alla catena umana di solidarietà promossa da Laura Bertullo, presidente della Commissione Pari opportunità della Città Metropolitana di Reggio Calabria per manifestare solidarietà alla donna ancora ricoverata al Centro Grandi Ustionati dell’Ospedale di Bari per le gravi ferite riportate dopo che il marito l’ha cosparsa di benzina e le ha dato fuoco in auto.
«Ve lo dico con il cuore in mano – ha detto la ragazza – al primo schiaffo dite di no. Non aspettate che arrivi il secondo o il terzo. La vicenda di mia madre non è la prima, e, purtroppo, non sarà l’ultima».
Alla manifestazione che si è svolta sulla scalinata del teatro Cilea ha partecipato anche il sindaco Giuseppe Falcomatà.
«Vedo tante donne e pochi uomini – ha detto – e questi messaggi prima li dovremmo lanciare a noi stessi. La nostra vicinanza è qui dico ad Antonietta, che, al suo ritorno, sarà sostenuta ed accompagnata dalle istituzioni».
In centinaia hanno preso parte alla catena sulla scalinata del teatro Cilea, in rappresentanza di associazioni, movimenti e istituzioni. «C’è una madre, che dal letto di ospedale, si preoccupa solo dei propri figli – ha detto la presidente Bertullo – e ci sono due figli che aspettano, a casa, la loro madre. Da questa piazza si alzi il grido “Basta violenza sulle donne”. In una società che si professa civilizzata non è dato più pensare che si usino parole per giustificare la violenza maschile con giustificazioni del tipo “tempesta emotiva” o altro. Non lo possiamo più permettere. La violenza sulle donne non è solo violenza fisica, è anche violenza psicologica, spesso violenza economica, prima di sfociare nel femminicidio, o come in questo caso, speriamo, in un tentato femminicidio».
«In questi casi – ha detto ancora il sindaco Falcomatà – bisogna essere molto poco istituzionali e dire le cose come stanno, e come ho avuto modo di dire in occasione di attentato ad un imprenditore della città: ci siamo rotti. Ci siamo rotti della violenza sulle donne, di chi riversa sul gentil sesso i propri fallimenti personali, lavorativi. Questo nostro messaggio arrivi a Bari, ad Antonietta, e la faccia sentire meno sola. L’amore è un’altra cosa».

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.