Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

OSPEDALE DI LOCRI: VERTICE CON I NUOVI COMMISSARI DELL’ASP

245

Dopo lo scioglimento dell’Asp reggina il vertice con i nuovi commissari dell’azienda sanitaria si è svolto nel presidio che più di tutti, fra quelli di pertinenza dell’azienda, è tristemente balzato alle cronache negli ultimi mesi. La nuova triade commissariale presieduta dal prefetto Meloni è, infatti, stata presentata presso l’ospedale di Locri alla presenza del sottosegretario al Ministro dell’Interno, on. Carlo Sibilia, del prefetto Michele di Bari, dei sindaci della Locride e delle Autorità giudiziarie e sanitarie.
Fiducia e speranza i motivi che hanno guidato l’incontro per un nuovo inizio che possa finalmente portare una sanità adeguata nel nostro territorio; “nei nostri ospedali c’è del buono ma bisogna fare di più” ha dichiarato il prefetto di Reggio Calabria aggiungendo che la commissione sarà affiancata da esperti da rendere fissi nei nosocomi dell’Asp. Di bisogno di normalità ha invece parlato il sindaco di Locri, Calabrese: “l’obiettivo è quello di ripristinare condizioni che garantiscano il diritto alla salute. Non chiediamo altro che normalità per i nostri cittadini”. Sempre a nome dei primi cittadini locridei è poi intervenuto Franco Candia, presidente dell’Assemblea dei sindaci, che in continuità con l’ing. Calabrese ha affermato “non vogliamo continuare ad avere una sanità di serie B”.
Senza nascondere le difficoltà del risanamento, ha risposto ai presenti il presidente della terna commissariale Giovanni Meloni, il quale ha assicurato di impegnarsi per la risoluzione delle problematiche cercando la collaborazione con la parte sana della sanità calabrese.
Sulla stessa linea il sottosegretario Sibilia che, oltre a evidenziare l’importante passo in avanti fatto con lo scioglimento dell’Asp di Reggio Calabria, ha assicurato tutto l’aiuto necessario da parte del governo per fare pulizia: “occorre agire con buon senso e capire che occorre revocare le assegnazioni di appalti ridate ad imprese con l’interdizione per mafia. Al di là degli strumenti legislativi necessari che si andranno a fare, ha poi concluso, al momento partiamo con quello che abbiamo: una Commissione straordinaria che con l’aiuto di esperti messi a disposizione è già in grado di agire”.
Ora, non resta che stare a vedere.

INTERVISTE INTERNE A TG NEWS

FRANCESCA CLEMENO|redazione@telemia.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.