Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Pd, il commissario stoppa Censore: «A Vibo niente simbolo con i sovranisti»

98

Graziano interviene dopo la decisione dell’area maggioritaria dei dem vibonesi di entrare nella coalizione che supporta Stefano Luciano: «Non ci possiamo permettere scelte politicamente insostenibili»

«Il Partito democratico è radicalmente alternativo ai sovranisti. A Vibo Valentia non ci sarà alcuna lista con il nostro simbolo in coalizione con chi ha valori totalmente incompatibili con i nostri valori fondativi». Lo dichiara in una nota il commissario regionale del Partito democratico Stefano Graziano, che si riferisce alla scelta della direzione provinciale del Pd vibonese di entrare nella coalizione che supporta il candidato a sindaco Stefano Luciano, appoggiato tra gli altri anche dagli esponenti locali del Movimento nazionale per la sovranità di Gianni Alemanno. A spingere da tempo per l’accordo con Luciano è l’area maggioritaria del Pd vibonese che fa riferimento all’ex deputato Bruno Censore e al consigliere regionale Michele Mirabello.

«È una fase molto delicata per il rilancio del nostro partito – prosegue Graziano – e non possiamo permettere che sia minata da scelte politicamente insostenibili. Gli elettori ci chiedono sempre più di essere chiari e coerenti. Il nostro obiettivo deve essere la costruzione di un centrosinistra ampio e plurale, aperto all’apporto di espressioni civiche, non certo correre alle amministrative con pezzi di centrodestra contro cui in contemporanea faremo una dura campagna elettorale per le elezioni Europee».

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.