Trovata la madre del neonato sotterrato a Cirò: «È nato morto»

476

La donna, una 22enne moldava, è stata rintracciata dai carabinieri e per ora è indagata per occultamento di cadavere. L’autopsia sul corpicino, in attesa dei risultati, per il momento conferma il racconto della madre

È stata individuata e rintracciata dai carabinieri della Stazione di Cirò Superiore la madre del neonato il cui cadavere è stato trovato domenica scorsa sotterrato nel giardino di una abitazione nel paese del Crotonese. Si tratta di una ventiduenne moldava. La giovane aveva lavorato come badante nella casa dove è stato rinvenuto il cadavere fino al dicembre scorso quando poi aveva lasciato l’impiego e Cirò per trasferirsi in un paese del Leccese. Sentita in merito a quanto accaduto, la giovane ha detto di essere rimasta incinta nel suo Paese di origine, di avere partorito in casa poco prima di Natale senza l’aiuto di nessuno e che il bambino è nato morto. In seguito, presa dal panico – sempre secondo il suo racconto – ha seppellito il corpicino nel giardino. Fondamentali a questo punto sono i risultati dell’autopsia svolta oggi e che dovranno chiarire le cause della morte e definire se la donna, iscritta nel registro degli indagati, dovrà rispondere solo di occultamento di cadavere o anche di infanticidio.

L’AUTOPSIA L’autopsia eseguita oggi (29 marzo) sul corpo del neonato trovato morto a Cirò si sono concluse
nell’obitorio di Crotone. In attesa dei risultati degli esami di laboratorio, da cui emerga un riscontro certo e definitivo, i primi rilievi, secondo quanto si è appreso, avrebbero evidenziato la compatibilità tra l’indagine compiuta dal medico legale Massimiliano Rizzo sul cadavere del bimbo ed il racconto fatto dalla madre.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.