Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Bovalino (RC): incontro “ravvicinato” con il Presidente del Bovalino Calcio a 5, Vincenzo Scordino

182

Dopo il conseguimento dell’eccezionale risultato sportivo che ha portato il Bovalino Calcio a 5 alla promozione nella cadetteria (serie B) del futsal nazionale, abbiamo voluto incontrare il massimo dirigente della Società, il Presidente Vincenzo Scordino, per cercare di analizzare insieme i contenuti di un anno “straordinario”. Abbiamo incontrato il Presidente nel suo ufficio, questa che riportiamo di seguito è l’intervista in esclusiva che ci ha rilasciato:

 

D. Presidente, in un anno siete passati  “Dalle stalle….alle stelle!”, ossia  l’anno scorso una finale play out e quest’anno, invece,  una vittoria contro tutto e tutti…a cosa è dovuta questa metamorfosi?

R. Mai proverbio è stato più azzeccato… la stagione scorsa abbiamo proprio toccato il fondo sia in senso sportivo che in senso umano… in fase di campagna acquisti abbiamo scommesso sui cavalli sbagliati che ci stavano portando nel baratro abbandonando la barca mentre stava affondando e solo grazie ai calcettisti bovalinesi (Avarello, Bruno e Pasquale Federico, Andrea Pipicelli, Alessandro Pascale, ecc) si è evitato il peggio. Il giorno successivo alla gara di playout abbiamo fatto una riunione con i dirigenti di allora e ci siamo posti davanti a un bivio: abbandonare tutto oppure fare rivoluzione; per amore del nostro paese e convinti delle potenzialità che avevamo abbiamo deciso con grandissimo coraggio e prendendo anche decisioni dolorose di fare RIVOLUZIONE, andando a smantellare quasi in toto la nostra struttura, dal magazziniere al parco giocatori, con il senno di poi possiamo affermare con orgoglio che avevamo ragione noi.

D. E’ stato un anno fantastico, sia  sotto il profilo societario ma anche personale…qual’è stata la ricetta vincente?

R. La stagione appena conclusa è stata senza dubbio la più bella per risultati sportivi raggiunti, non è da tutti fare un “double” (campionato e supercoppa) e soprattutto approdare in un campionato Nazionale (serie B). La ricetta vincente si chiama UNITA’, intesa a 360° gradi, perché solo facendo gruppo si possono perseguire gli obiettivi prefissati e di questo devo ringraziare TUTTA la dirigenza che si è adoperata a lavorare di squadra per assolvere ai diversi compiti d’area.

D. Il finale di campionato è stata una lotta a due contro il nemico di sempre, il terribile Polistena!…quando avete capito che ce l’avreste fatta?

R. Il campionato è stato duro e avvincente, noi avendo cambiato 10 elementi su 12 siamo partiti un po in ritardo per via dell’amalgama che giustamente serve ad una squadra, poi l’indisponibilità iniziale del palazzetto ci ha costretti ad allenarci sull’erba e giocare al chiuso: problema che ci ha fatto eliminare dalla Coppa Italia. Siamo partiti con l’obiettivo di vincere il campionato e quindi non abbiamo mai messo in discussione la cosa, anche se devo dire che il Polistena ci ha dato filo da torcere, ma alla lunga la differenze tecnica è venuta fuori e quanto avevamo preventivato si è avverato

D. Nel corso dell’anno il BC5 si è tinto anche di azzurro grazie al DG Scordino e a qualche giocatore che si è messo particolarmente in evidenza….cosa portano in dote?

R. La seconda metà del 2018 è stato per noi la base di partenza in tutto, abbiamo contribuito anche alla causa delle Nazionale di Calcio a 6 nell’Europeo di Kiev con ben due elementi: il nostro DG Andrea Scordino come Responsabile Marketing e Bruno Pio Scordino come giocatore esordiente più giovane in qualsiasi competizione per Nazioni, lo stesso poi è arrivato con la Nazionale di calcio a 6 Under 21 quarto all’Europeo di Categoria che si è giocato a Praga. Bruno Pio Scordino ci rappresenterà inoltre al Torneo delle Regioni che si terrà in Basilicata a fine Aprile vestendo la maglia della Rappresentativa FIGC Calabria. Tutto questo ci fa capire che solo lavorando seriamente si ottengono i risultati e i riconoscimenti prima o poi arrivano sempre.

D. Girano voci fondate che state vagliando l’ipotesi di costruire un palazzetto tutto vostro…cosa c’è di concreto?

R. Conclusa la prima decade di programmazione, stiamo buttando giù una bozza di programmazione futura, in questa programmazione sicuramente non potrà mancare la struttura di proprietà, fondamentale per lo svolgimento delle attività sociali, nonostante il PalaLaCava è agibile e omologabile per la Serie B (smentisco pubblicamente le voci “destabilizzanti” di alcuni che ci vedrebbero giocare fuori dai confini comunali il campionato di Serie B…) inizia a diventare stretto perché oltre alla prima squadra, abbiamo l’Academy con 60 bambini iscritti (e abbiamo dovuto bloccare le iscrizioni una volta raggiunti i parametri di 12/16 bimbi per ora di attività), il BC5Smile che chiede giustamente più spazio e avremo la Juniores Nazionale da curare meglio di come abbiamo fatto finora. In questo contesto abbiamo avviato dei tavoli tematici con l’Amministrazione che sempre ci è stata vicina e anche stavolta, compatibilmente con le condizioni amministrative in essere si è detta sin da subito disponibile ad offrire tutto il supporto necessario, fermo restando che l’investimento della realizzazione dell’opera che non sarà SOLO il palazzetto sarà a cura della nostra Società, ma questo lo sveleremo a tempo debito.

D. Vi siete ormai strutturati come una società professionistica…ci state pensando seriamente ad un salto nell’olimpo del futsal?

R. Come si dice…l’appetito vien mangiando, quindi stiamo programmando un bel sAlto, ma siccome vogliamo giocare a Bovalino, prima del sAlto dobbiamo realizzare la cAsA.

D. Quali saranno le difficoltà maggiori che dovrete affrontare nel prossimo campionato?

R. Le difficoltà saranno quelle di un Campionato Nazionale, ma le affronteremo con la dovuta concentrazione, la cosa che mi fa più piacere è la richiesta di cittadini ed operatori commerciali Bovalinesi che ci fanno domande e richieste per poterci dare una mano, questo è importante perché significa che stiamo lavorando bene, che siamo trasparenti e che siamo aperti a tutti coloro che hanno a cuore BOVALINO.

D. Dopo la conquista della Supercoppa ed i titoloni sui giornali siete consapevoli di aver fatto qualcosa di veramente eccezionale e forse irripetibile?

R. Devo dire che ancora non abbiamo realizzato di aver scritto una pagina importante dello sport Bovalinese, mai nessuno aveva portato una coppa importante a Bovalino e a memoria mi sembra che solo la Volley sia approdata a un campionato Nazionale, pertanto piano piano stiamo prendendo coscienza di ciò che abbiamo fatto e ci stiamo rendendo sempre più conto che “l’aBBiamo comBinata grossa”… Mi sento però di affermare che questi risultati sono di tutta la comunità Bovalinese, dei nostri partner commerciali e Istituzionali, oltre che di tutte le persone che dietro al duro lavoro della gestione annuale fanno enormi sacrifici a volte togliendo tempo alle attività principali e alla famiglia.

D. La comunità di Bovalino, grazie anche ad un’amministrazione giovane, sta rialzando la testa…siete consapevoli che con i vostri risultati state contribuendo anche voi alla rinascita civile e sociale del paese?

R. Io ho sempre sostenuto, anche in tempi non sospetti, che lo sport può essere insieme ad altre componenti, un’importante volano di sviluppo per l’intero territorio comunale e comprensoriale, probabilmente, se il nostro Presidente Federale chiude l’accordo con SKY a random una partita del Campionato di serie B sarà trasmessa via satellite, pensi lei cosa rappresenterebbe per Bovalino; oltre a ospitare squadre di città e cittadini importanti che verranno a giocare qui da noi, il paese potrà essere conosciuto in modo positivo e magari far sviluppare anche un turismo che porterebbe benessere a tutta la Comunità. Come detto prima l’amministrazione in questo momento sta facendo davvero tanto con le pochissime risorse che ha a disposizione, penso però che vanno aiutati da noi cittadini che amiamo Bovalino, perché solo UNITI possiamo uscire dall’obblio in cui siamo finiti e risollevarci come Paese e come Comunità.

Al termine dell’intervista abbiamo rinnovato al Bovalino Calcio a 5, nella persona del Presidente Vincenzo Scordino, i sentimenti di vicinanza e gratitudine espressi da tutta la redazione di Calabriinforma.com per tutto ciò che hanno saputo realizzare.L’appuntamento è per un’altra stagione sportiva che sarà sicuramente esaltante come quella appena conclusa.

(Nelle foto: a sx la conquista della Supercoppa; al centro la premiazione a Palazzo Alvaro-Città Metropolitana Rc; a dx il Presidente V. Scordino ed il DG A. Scordino)

http://www.calabriainforma.com

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.