Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Interrogazione ai sensi art. 23 del Regolamento del Consiglio Comunale, con richiesta di risposta in merito al verde pubblico comunale.

117

PREMESSO CHE

  • la buona gestione, la salvaguardia e lo sviluppo del verde urbano rappresenta uno strumento tangibile di crescita e di qualificazione di una città;
  • in questo senso, il Governo Nazionale ha inteso istituire il 14 marzo 2017 la prima edizione della Giornata Nazionale del Paesaggio a cura del Ministero dei beni e delle Attività Culturali e del Turismo, al fine di richiamare il paesaggio quale valore identitario del Paese e trasmettere alle giovani generazioni il messaggio che la tutela del verde e lo studio della sua memoria storica costituiscono valori culturali ineludibili e premessa per un uso consapevole del territorio ed uno sviluppo sostenibile;
  • anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, in più occasioni, ha sottolineato quanto sia importante inserire una pianificazione delle aree verdi pubbliche che, attraverso la corretta amministrazione delle stesse, favorisca l’attività fisica, l’aggregazione sociale, il consolidamento dei rapporti fra uomo-animale.

CONSIDERATO CHE

  • le aree verdi urbane costituiscono un patrimonio di grande valore e un parametro fondamentale per determinare il livello di qualità della vita nella nostra città;
  • molte aree di verde pubblico sul territorio versano in stato di abbandono e degrado ormai da anni e non vi è alcuna opera di manutenzione o intervento in tal senso;
  • la crescita eccessiva di erbe infestanti che si verifica in alcune aree verdi e che porta alla proliferazione di parassiti animali, come zecche e pulci, pericolosi tanto per l’uomo che per gli animali è un evento facilmente prevedibile;
  • l’arrivo della bella stagione aumenta inesorabilmente i rischi provocati dall’incuria, tra i quali la c.d. “processionaria”, insetto pericoloso tanto per l’uomo che per gli animali, della quale già negli anni scorsi è stata segnalata la presenza presso Piazza Aldo Moro (nelle vicinanze dei numerosi plessi scolastici), via Francesco Logozzo e traversa Principe di Piemonte (scuola materna Limina).

 

–     negli anni scorsi alcuni commercianti avevano garantito il servizio di manutenzione delle aree verdi collaborazione grazie alle convenzioni e pubblicizzazioni in loco (Regolamento per la gestione del verde pubblico sulle rotatorie e lungo la rete viaria comunale – approvato con delibera C.C. n. 29 del 23/07/2008);

– lo stato di degrado delle aiuole, fino qualche anno fa gestite e manutenute con impegno da attività commerciali locali con la convenzione deliberata durante C.C. n. 29 del 23/07/2008 e da 6 anni non più rinnovata senza motivazioni e senza proporre un modello alternativo per la gestione delle stesse, oggi risultano un pessimo “biglietto da visita” sotto gli occhi dei cittadini di Gioiosa Ionica che assistono da troppo tempo, con preoccupazione e disappunto, ad un progressivo abbandono del verde pubblico.

SI INTERROGA QUESTA AMMINISTRAZIONE PER SAPERE

  • se e quali azioni intenda intraprendere per ripristinare, rivalutare e manutenere il verde pubblico di Gioiosa Jonica;
  • quali motivazioni hanno spinto l’Amministrazione a non dare seguito alle convenzione di manutenzione/pubblicità delle aree verdi con le attività territoriali ;
  • se intende avviare il censimento del patrimonio arboreo all’interno delle aree verdi pubbliche (parchi, giardini, strade, viali, ecc.) presenti sul territorio comunale così da poterlo preservare e curare;
  • se e quali azioni intenda intraprendere in merito alla “processionaria” già presente nelle vicinanze dei plessi scolastici.

Si chiede risposta scritta che tenga conto di tutti i quesiti posti.

 

Gioiosa Ionica, 1 aprile 2019

 

Il Capogruppo “CAMBIAMO GIOIOSA”

Avv. Tito Olindo Greco

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.