LA S.S.106 È TRA LE RAGIONI DEL FALLIMENTO POLITICO DEL M5S

295

di Fabio Pugliese

Presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”

 

 

 

Il progetto del Megalotto 3 della Nuova S.S.106 da Sibari a Roseto Capo Spulico è stato definitivamente approvato grazie a due delibere CIPE: quella dell’agosto del 2017 (firmata Governo Renzi), che ne approva il primo lotto funzionale e l’ultima delibera CIPE del 28 febbraio (firmata Governo Gentiloni), che ne approva il secondo lotto funzionale e ne finanzia l’intera Opera. 

 

Si tratta di 1.335 milioni di euro che il Governo Lega-M5S ha confermato e che il Ministro Toninelli ha definitivamente garantito e che oggi, ancora non è stato avviato, per problemi a tutti noti e certamente ascrivibili al Contraente Generale ma anche e, soprattutto, per l’incapacità assoluta e conclamata dei 4 parlamentari Abate, Sapia, Forciniti e Scutellà del territorio più uno: Nicola Morra.

 

Questi ultimi, infatti, sono responsabili di aver pubblicamente dichiarato di essere contrari al progetto (dal momento che pretendevano modifiche assurde, impossibili e nocive condivise, caso strano, solo dai proprietari terrieri e dai “Turisti di Ferrara”), ma sono responsabili in particolare della loro incapacità di seguire i processi legati all’Opera: una infrastruttura strategica che oggi sarebbe certamente già partita se loro fossero stati interessati ed avessero davvero avuto a cuore questo processo.

 

Più volte l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ha cercato invano di colloquiare con questi politici impreparati del M5S locale ricavandone solo porte chiuse sbattute in faccia. Eppure l’obiettivo era alto: cercare di aiutarli nel merito di un problema che ignorano e che continuano a non conoscere nella sua complessità.

 

Giulio Andreotti diceva che “a pensar male si fa peccato ma qualche volta ci si azzecca”. Se volessi essere malizioso potrei dire che dietro le posizioni di questi parlamentari evidentemente si nascondono i “Turisti di Ferrara” e, certamente, non per fini nobili e legati all’interesse generale. Però siccome non posso non essere buon dirò solo che sicuramente le posizioni fin qui assunte dai parlamentari del M5S del territorio sono dovute ad una statura culturale, politica ed in qualche caso, anche morale, che è prossima allo zero.

 

L’altro aspetto inquietante è quello legato all’incapacità di comprendere quanto l’azione dell’Associazione, sempre palesemente proiettata nell’interesse della collettività, avrebbe comportato, se da loro condivisa, un merito politico indiscusso che oggi pagano nel fallimento politico conclamato che è sotto gli occhi di tutti e che è caratterizzato della loro insipienza e presunzione politica.

 

Il fallimento è sotto gli occhi di tutti dicevo: su 137 comuni al voto il M5S in Calabria riesce appena ad essere presente in 7 comuni con un proprio candidato Sindaco. Di questi più della metà saranno sonoramente bocciati nella prossima consultazione elettorale. Non entro nel merito, invece, di quanto accaduto a Corigliano Rossano: perché qui ciò che è accaduto è più torbido di ciò che si possa anche lontanamente immaginare e nei prossimi mesi ciò che affermo sarà chiaro a tutti….

 

C’è di più: attivisti del M5S, come Dalila Di Lazzaro nella sua Rocca Imperiale non riescono a fare una lista. Cito lei perché mi è rimasta impressa (ma purtroppo non è la sola), poichè nei mesi scorsi su facebook ammoniva, di notte e di giorno a qualsiasi ora, che la maggioranza dei cittadini dell’alto jonio cosentino erano contrari all’ammodernamento della S.S.106.

 

Rocca Imperiale non è un caso isolato: nell’alto jonio il M5S non riesce a presentare una lista a Roseto Capo Spulico, Montegiordano, Cerchiara di Calabria, Alessandria del Carretto, Oriolo e Nocara. Ci riesce solo a Villapiana: una lista incompleta (manca di un quarto dei componenti), e che non ha alcuna speranza di vincere e di governare la città. Un disastro tale da far pensare, con un po’ di buon senso e di realtà, che tra un anno, alle regionali, come sempre non riusciranno ad ottenere, per l’ennesima volta, neanche un consigliere regionale eletto. 

 

In questo quadro chiarissimo che anticipa una sconfitta senza precedenti per una forza politica che solo un anno fa nel territorio raccoglieva un consenso mai raggiunto nel passato neanche dalla più forte Democrazia Cristiana o dal migliore Partito Comunista Italiano c’è solo una speranza: che dalla lezione che hanno già preso questi capiscano cosa significa far politica.

 

In questo senso sarebbe auspicabile che ogni qual volta i cittadini cercano di aiutarli possa esserci da parte loro disponibilità all’ascolto e non chiusura categorica e precostituita. Allo stesso modo c’è da sperare che ogni qual volta riceveranno una critica su questa riescano a riflettere evitando, invece, di sostenere che a criticarli è necessariamente “un mafioso, un corrotto oppure uno del Pd”.

 

Infine, c’è da sperare soprattutto che si avveri la più importante delle condizioni: che chiedano scusa.

 

Perché senza un atto di umiltà resteranno per sempre sconfitti e contenti nel fallimento politico in cui oggi hanno “chiuso” il M5S.

 

29 Aprile 2019

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.