L’ANNUNCIO DI TONINELLI: «IL CONSIGLIO DEI MINISTRI SI TERRÀ A GIOIA TAURO»

352

Le dichiarazioni del ministro delle Infrastrutture a margine della visita allo scalo portuale della Piana

Si terrà a Gioia Tauro, nelle prossime settimane, la riunione del Consiglio dei ministri annunciata dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che aveva manifestato la volontà di dedicare una seduta ai problemi della Calabria. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, incontrando i giornalisti nella città portuale.
«Una buona notizia per la Calabria e l’Itala intera», ha detto Toninelli incontrando a Gioia Tauro le organizzazioni sindacali e i lavoratori del porto annunciando l’accordo siglato oggi tra le società Contship Italia e Msc che ha portato quest’ultima alla gestione futura del terminal di transhipment di Gioia Tauro. «C’è grande emozione e soddisfazione – ha aggiunto Toninelli – perché questo giorno sancisce il rilancio del porto. Sono profondamente felice perché da domani questo porto può riprendere la china arrivando a movimentare, questi sono gli impegni del nuovo concessionario, quattro milioni di teu che significa stabilità occupazionale per tutti i portuali di Gioia Tauro». «Abbiamo dovuto avviare – ha aggiunto Toninelli – una mediazione non semplice perché le parti non si parlavano da tempo e noi non potevamo permettere che la crisi del porto si prolungasse ancora».
Toninelli ha inoltre annunciato che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a partire dalla prossima settimana, si occuperà dell’ammodernamento della rete ferroviaria nel tratto San Ferdinando-Rosarno-Paola-Metaponto-Taranto-Bari per consentire l’avvio dell’intermodalità da Gioia Tauro. «Mi auguro che Regione e Corap – ha aggiunto Toninelli – si assumano anch’essi la responsabilità nel definire questo percorso. Per quello che mi riguarda, proporrò che sia Rfi a diventare direttamente proprietaria della tratta da ammodernare perché non c’è un attimo da perdere». Toninelli ha ringraziato il prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari e il commissario straordinario dell’Autorità portuale Andrea «che hanno lavorato – ha detto – per mantenere la pace sociale, cosa che non era affatto facile».

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.