Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

‘Ndrangheta, un business da 4,5 miliardi dietro l’arresto di Ricci a Malta

190

L’italiano è sospettato di essere un terminale di cosche mafiose che controllano società di gioco basate in Belize e a Hong Kong. Polemiche sui media a La Valletta per il divieto di pubblicazione del nome

C’è un giro di scommesse sportive e non da 4,5 miliardi di euro, di cui oltre un quarto del volume d’affari – oltre un miliardo di euro – sarebbe stato sequestrato nei mesi scorsi, dietro l’arresto di domenica scorsa a Malta di Antonio Ricci, 43 anni, applaudito via Twitter dai vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio. L’arresto, a conclusione della operazione “Op Rich” in coordinamento con la Dia italiana, i servizi e l’antiterrorismo, è stato eseguito dalla polizia maltese in base ad un ordine europeo di arresto: l’italiano, sospettato di essere un terminale di cosche mafiose che controllano società di gioco basate in Belize e a Hong Kong. Oggi il quotidiano Malta Today ha sollevato una polemica decidendo di violare l’ordine del tribunale maltese di pubblicare il nome di Ricci, nei confronti del quale oggi si è aperta la procedura per l’estradizione richiesta da parte dalle procure di Bari, Reggio Calabria e Catania. «Divieto di pubblicazione del nome di qualcuno con connessioni mafiose? I giornali devono sfidare i tribunali»: questo il titolo.
Gli altri media maltesi hanno ricostruito la vicenda senza pubblicare il nome, peraltro già indicato nei tweet di Salvini e Di Maio.
Ricci, secondo il Times of Malta, nel novembre scorso era sfuggito all’arresto in Italia durante la “Operazione Galassia”. A Malta viveva nella zona di Swieqi, a ridosso del quartiere dei Casinò e della movida, ed il quotidiano riferisce che era «ben noto nei circoli delle scommesse online», di cui Malta è una delle capitali mondiali.
Stando a Malta Today, che ha consultato i registri delle società coinvolte, Antonio Ricci risulta essere il segretario della Harvey Gaming, di proprietà (al 99%) di una società del Belize denominate Harvey Associates e, nominalmente, di un altro cittadino italiano, residente a Malta nella circoscrizione di Sliema, Luigi Discornia (non indagato). Quest’ultimo – sempre secondo MT – è stato il direttore di Betting Management, società di proprietà di Carmelo Mazza, che è anche Ceo di OIA Services (che gestisce i marchi Betaland e Enjoybet) e la cui proprietà risale ad un corporate service provider di Hong Kong.
Discornia, ricorda Malta Today, era tra gli impiegati della Centurionbet, società di gioco online basata a Malta che nel 2016 fu sospettata di legami con il clan Martiradonna. La Mfa, authority maltese sul gioco, nel 2017 ha sospeso la licenza della Centurionbet.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.