San Luca: Bartolo, lettera agli elettori: «Rilanciamoci nella legalità»

583

La lista voluta dal movimento “Pro San Luca” e affidata al candidato a sindaco Bruno Bartolo, infermiere in pensione, è quasi pronta. C’è ancora da limare qualche dettaglio ma la squadra è fatta, così come il simbolo che accompagnerà la lista, un libro aperto al centro, con ai lati una spiga di grano e un ramoscello d’ulivo. Bene in vista le parole “Lavoro” e soprattutto “Giustizia Sociale”, accompagnate dalla frase “San Luca ai sanluchesi”. Un mix di giovani e di persone con qualche anno in più, ai quali sarà affidata soprattutto una missione, quella del “recupero”, rispetto alla gestione straordinaria del Commissario, e ai problemi endemici e mai affrontati con determinazione come quello del lavoro, i diritti negati e il recupero di un immagine «pesantemente appannata – scrive Bartolo – che ci chiama tutti in causa».

Lui stesso ha detto di offrire la sua «disponibilità a candidarsi a sindaco, perché i miei concittadini possano tornare ad affezionarsi a un municipio gestito dai propri rappresentanti democraticamente eletti, considerando ormai concluso il lungo e costante impegno del dottor Gullì«. L’altra parola sulla quale Bartolo ha scritto di voler puntare è “rilancio”. «Il futuro migliore – ha detto il candidato – che vogliamo costruire per San Luca non può che basarsi innanzitutto sulla serenità della comunità. Per averla bisogna poter contare su lavoro e sicurezza, che lo Stato ha il dovere di garantire in maniera saggia e convincente. Ma lo Stato – aggiunge Bartolo – siamo anche noi. I sanluchesi debbono mettersi all’opera per rilanciare il paese senza nascondersi e senza nascondere tutti i problemi che esistono».

Questo e tanto altro, Bartolo lo ha scritto in una lettera aperta: «Dobbiamo chiedere con forza tutti quei segmenti di lavoro che ci vengono negati, a causa, ad esempio, del colpevole mancato rispetto del turn over nel settore della forestazione, che era stato codificato, fra l’altro, da una norma di legge vecchia di 15 anni. E la parola forestazione deve fare rima con produttività, senza trascurare altri segmenti produttivi, come l’iniziativa privata per non parlare dell’organico comunale che lascia molto a desiderare».

«Una comunità – conclude Bartolo – che non è preda delle tensioni sa scegliere meglio i passi che deve fare. Lo Stato deve cancellare il pregiudizio che ha nei confronti di San Luca e la nostra comunità non deve fare nulla per meritarselo. Ci attendono mesi ed anni di duro lavoro, ma non ci manca l’esperienza, e questa volta dovremo applicarci in maniera straordinaria, arrivare fino in fondo. Non dovremo mai essere contenti di quanto riusciremo a fare, dovremo fare sempre di più. Le cose che continueranno a scrivere su San Luca non dovranno impedirci di condurre in porto la nave della legalità e della buona amministrazione».

E per uno che ha fatto dell’istituzione della Fondazione Alvaro, la sua bandiera, non poteva mancare un riferimento alla cultura: «Mettiamo mano a una grande operazione culturale, di comunicazione e di immagine, affidando questo compito alla Fondazione Alvaro e ai messaggi illuminanti dello scrittore, cercando di coinvolgere tutte le forze locali in un progetto di largo respiro che potrebbe significare tanto altro lavoro».

ANTONIO STRANGIO

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.