Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

RIACE (RC): ANCHE LA CANDIDATA A SINDACO DELLA LISTA DI MIMMO LUCANO INDAGATA DALLA PROCURA DI LOCRI

413

Posizione stralciata in udienza preliminare per mancata notifica

Il candidato sindaco di Riace ed ex assessore nella giunta guidata da Domenico Lucano, Maria Spanò, ha ricevuto nei giorni scorsi un avviso di garanzia in relazione all’inchiesta che ha coinvolto anche Lucano e che per questo è stato sospeso dall’incarico dall’autorità giudiziaria. L’atto non fa riferimento ad una nuova indagine, tant’è che la Procura di Locri nel chiedere il rinvio a giudizio di Lucano e degli altri indagati nell’inchiesta “Xenia” aveva chiesto il processo anche per la Spanò. In sede di udienza preliminare, però, il legale della donna, l’avv. Francesco Rotundo di Catanzaro, ha eccepito la mancata notifica dell’avviso di conclusione indagini. Da qui lo stralcio della posizione e l’invio di un nuovo avviso di garanzia. Maria Spanò è indagata per falso ideologico in concorso con Lucano perché, è scritto nel capo di imputazione, “rilasciavano carte d’identità a soggetti stranieri privi dei previsti requisiti, attestando falsamente che fossero residenti a Riace e muniti del permesso di soggiorno”. (ANSA).

 

    Riace: comitato, entrata a gamba tesa Riesame su politica ‘Grave giudizio Tribunale su Lucano e candidato sindaco Spanò’

“Il Comitato 11 Giugno, costituitosi per contrastare i tentativi di criminalizzazione dell’esperienza di Riace e di Mimmo Lucano, ha appreso dalla stampa le incredibili motivazioni del tribunale del riesame di Reggio Calabria con le quali si ribalta quanto sancito in precedenza dalla sentenza con rinvio emessa dalla Cassazione”. E’quanto si legge in una nota dello stesso comitato. “Rilevando, innanzitutto – prosegue la nota – la particolarità della circostanza che un tribunale del riesame metta in discussione così radicalmente quanto espresso dalla Suprema Corte, il Comitato constata e denuncia con forza il fatto che le suddette motivazioni esprimano un gravissimo giudizio, personale e politico, sia su Lucano che sull’attuale candidata a sindaca di Riace, Maria Spanò: nei fatti e per i tempi, una preoccupante entrata a gamba tesa nelle vicende politiche e democratiche del Comune di Riace. L’immagine di Mimmo Lucano che ne viene fuori stravolge la realtà e cozza con la sua cristallina e solare personalità, così come sta, invece, emergendo pubblicamente nelle numerose iniziative, trasmissioni televisive e manifestazioni a cui egli partecipa”. “Basti pensare – si legge – al suo recente intervento alla Sapienza ed alla straordinaria reazione di sostegno degli studenti o, ancora, ai suoi diversi interventi pubblici: tutti momenti in cui si è palesata la certezza della testimonianza di una idea politica chiara di cui molti cittadini, oggi più che mai, sentono la necessità. In tutta Italia – conclude – c’è un fermento nuovo che solo lui evidentemente riesce a intercettare, grazie ad una forte carica emotiva che lo induce a parlare al cuore delle persone, valorizzando i valori dell’accoglienza e della solidarietà”.

 

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.