SCOMPARSI A VIBO: SI IPOTIZZA UN CASO DI ‘LUPARA BIANCA’

361

Si segue la pista della “lupara bianca” nelle indagini sulla scomparsa di due vibonesi, di 32 e 43 anni di cui non si hanno più notizie da orma diversi giorni. Un’assenza che potrebbe anche essere volontaria ma che, comunque, ha destato preoccupazione nelle famiglie che hanno sporto denuncia ai carabinieri.
Si tratta di Francesco Antonio Pardea e di Bartolomeo Arena, entrambi con alle spalle qualche precedente.
I carabinieri , che stanno indagando a tutto campo sulla misteriosa scomparsa dei due, pur non avendo al momento elementi concreti di riscontro a questa ipotesi, ritengono sempre più probabile che siano stati uccisi ed i loro corpi fatti sparire.
A denunciarne la scomparsa sono stati i familiari dopo che entrambi erano usciti insieme in auto, il 30 aprile scorso, probabilmente per recarsi a Vibo Marina e da allora non si erano avute più notizie di loro.
Pardea e Arena vengono indicati dagli investigatori come vicini alle cosche di ‘ndrangheta emergenti nel capoluogo calabrese. Il primo ha dei precedenti per tentata estorsione ed il secondo per una sparatoria avvenuta in Piazza Municipio.
Elementi che fanno propendere le indagini sulla loro scomparsa anche su un possibile caso di lupara bianca ma non si esclude che possa trattarsi, in questo caso, di un allontanamento volontario.
Il 32enne, nello specifico, nell’ottobre del 2010 fu catturato nella Piana di Gioia Tauro dopo qualche mese di latitanza, dopo aver scampato all’arresto nell’ambito di un’operazione, “The Goodfellas”, in cui finirono in manette 12 persone accusate di associazione di tipo mafioso e porto e detenzione illegale di armi.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.