Dom. Mag 9th, 2021

L’organizzazione sindacale CSA intende segnalare e denunciare l’ingiustificato silenzio dell’INPS in relazione alle verifiche e rendicontazione dei fondi delle politiche passive, poi migrati in politiche attive.
All’uopo ricorda che il 30 settembre 2018 era la data in cui l’INPS avrebbe dovuto comunicare gli esiti delle verifiche sula rendicontazione dei fondi residui delle politiche passive migrate poi in attive…a oggi, 17 maggio 2019, tutto è ancora in attesa.
Molte sono state in questi mesi le sollecitazioni da parte della regione Calabria, del Dipartimento Nazionale Precari e Politiche del lavoro – Tirocinanti CSA, senza alcuna risposta.
In concreto, parliamo di 50 milioni di euro, soldi dei tirocinanti calabresi; somme indispensabili che permettono a circa 5000 persone di continuare a vivere professionalmente e sperare in un futuro di integrazione lavorativa. Fonti di sostentamento indispensabili per circa 5000 famiglie che quotidianamente fanno i conti con il disagio economico.
Conoscere lo stato della rendicontazione è un nostro diritto e un diritto dei lavoratori; ci piacerebbe capire perché, nell’era della tecnologia imperante, non si riescano a ottenere tali esiti in tempi sostenibili.
Ritenendo non ulteriormente accettabile detto stato delle cose si dichiara lo stato di agitazione dei tirocinanti calabresi non escludendo manifestazioni di protesta a partire dal prossimo mese di Giugno.
f.to
per la Segreteria Nazionale
P. Lincol – P. Curcio

Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.