Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Estorsione ai dipendenti a Lamezia, indagato anche il presidente di Confagricoltura Calabria

82

C’è anche il presidente di Confagricoltura Calabria, Alberto Statti, tra le persone coinvolte nel sequestro di beni portato a termine dalla guardia di finanza di Lamezia Terme nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte estorsioni e minacce nei confronti dei dipendenti dell’azienda agricola gestita dall’imprenditore di 52 anni.

 

Con lui risulta indagata anche Maria Costanzo, 57 anni, addetta alle assunzioni e ai pagamenti nella stessa cooperativa agricola. Secondo l’indagine condotta dalla guardia di finanza, Statti avrebbe ottenuto «un ingiusto profitto, corrispondente al trattenimento delle somme ed indennità previste come dovute e non erogate, con corrispondente danno alle persone offese».

 
 

Gli importi sarebbero pari a 499.046,61 euro e a 423.385,44 euro per i periodi presi in esame dalle indagini. Negli interrogatori attuati nei confronti dei dipendenti, «è emersa la psicologica (e fisica) sudditanza degli stessi verso il loro datore di lavoro». Come dichiarato dai dipendenti, proseguono gli inquirenti, «tutti hanno firmato la busta paga relativa al Trattamento di fine rapporto, ma nessuno di loro ha mai percepito tale indicata (e formale) retribuzione».

L’indagine ha svelato anche quella che gli inquirenti hanno definito «una duplice macroscopica ingiustizia verso le operaie donne» che, secondo le indagini, sarebbero state retribuite in maniera inferiore rispetto agli uomini». Dagli accertamenti sui documenti acquisiti, infine, sarebbe emersa la volontà degli indagati di inquinare le prove per sviare le indagini effettuate»

gazzettadelsud.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.