GRANDE PARTECIPAZIONE A REGGIO CALABRIA PER LO SCIOPERO DELLA GIUSTIZIA

107

I dati raccolti a livello nazionale hanno registrato una massiccia adesione e superato di gran lunga le aspettative.
Oggi, ad incrociare le braccia, tutti i dipendenti degli uffici giudiziari dItalia scesi in piazza per contestare il mancato compimento dei contenuti dellaccordo del 27 aprile 2017, recepito dal Decreto Ministeriale del 15 novembre 2017 n.267, secondo i quali era prevista la riqualificazione giuridico/economica e professionale del personale.
Ad inasprire gli animi lulteriore fallimento del tavolo di conciliazione per la predetta riqualificazione del personale giudiziario, che ha creato un ulteriore sconforto nei lavoratori, vista lattuale carenza di circa 10.000 unità, alle quali si dovranno aggiungere le circa 5000 unità derivanti dai turn over e dal decreto quota 100.

Anche a Reggio Calabria, dove Patrizia Foti Vice Coordinatore nazionale UILPA Giustizia ha indetto un Sit-In allinterno del cortile del CEDIR che ospita il Tribunale e la Procura della Repubblica, si è registrata la massima partecipazione dei dipendenti, incluso il personale dellufficio UNEP.
Le dimostranze sono state incentrate sia sullo stato della Giustizia, totalmente in ginocchio e per il quale ne consegue un evidente calo della qualità del servizio pubblico prossimo alla paralisi, sia per la grave situazione di degrado in cui versa la stessa struttura, allinterno della quale, specialmente nel periodo estivo, le temperature raggiungono livelli a dir poco estenuanti.
Al Sit-In hanno partecipato anche alcuni dei nuovi componenti dellOrdine degli Avvocati di Reggio Calabria, che già si erano occupati della questione CEDIR, inserendola nellordine del giorno della riunione di consiglio, perché sempre vicini ed attenti alle esigenze del personale della giustizia, con i quali, giornalmente, condividono gioie e dolori di un mondo alquanto complesso.
I diritti sono inalienabili per tutti i lavoratori, inclusi quelli della giustizia, ai quali non può essere negata la dignità e la professionalità.

Lennesimo ed accorato appello che la Foti rivolge al Ministro della Giustizia, è quello di inserire nellagenda di Governo non solo le riforme e laumento delle piante organiche dei magistrati, ma, soprattutto, la valorizzazione del personale giudiziario che, quotidianamente, permette ai magistrati il raggiungimento di grandi obiettivi. Non servono grandi manovre per risolvere la questione, perché basterebbe dare immediata esecuzione a quanto previsto dallaccordo del 2017 già siglato con lamministrazione della Giustizia.
Solo con un confronto democratico tra forze politiche, corpi intermedi e ordini conclude Foti – e nel rispetto delle proprie prerogative con una cooperazione unitaria, si potrà raggiungere lobiettivo per una Giustizia efficiente e più vicina al cittadino.

Fabio Maragucci
Responsabile Ufficio Stampa
UILPA di Reggio Calabria

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.