ROCCELLA JAZZ FESTIVAL: ECCO IL PROGRAMMA EDIZIONE 2019

1045
 

Il Festival avrà un prologo il 7 luglio con lo spettacolo “Come un’anomalia. Vent’anni senza Fabrizio De André”, della compagnia Il Teatro di Mu. A vent’anni dalla scomparsa, sarà un nuovo omaggio al cantautore genovese nella cittadina che ha ospitato il suo ultimo concerto dal vivo e segue di un anno quello che nel 2018 gli è stato dedicato dalla Premiata Forneria Marconi al Teatro al Castello.

Lo spettacolo scritto da Salvo Corea e Marcello Barillà, con un ricco cast di attori e musicisti, si terrà nello splendido nuovo Waterfront del Lungomare che di recente è stato intitolato a Sisinio Zito, fondatore e presidente del Festival.

La sessione estiva della XXXIX edizione del Roccella Jazz Festival sarà articolata in più sezioni e si svolgerà nei mesi di luglio ed agosto con una serie di concerti ed eventi di altissimo livello.

La prima sezione (una mini rassegna) si svolgerà dall’11 al 13 luglio a Largo Colonne Rita Levi Montalcini. Le altre sezioni, invece, si terranno dal 12 al 24 agosto con concerti nelle tradizionali location (Teatro al Castello, Auditorium, Ex Convento dei Minimi, Palazzo Carafa, Porto delle Grazie, Waterfront Lungomare Sisinio Zito e Largo Colonne Rita Levi Montalcini). A completamento delle attività di agosto ci sarà la seconda edizione del Roccella Jazz Campus, con una programmazione ricca di master class (tenute dai migliori musicisti presenti al Festival), workshop, installazioni multimediali, seminari e mostre.

Saranno circa 148 i musicisti coinvolti. 45 quelli provenienti dall’estero (Stati Uniti, Venezuela, Serbia, Macedonia, Romania, Bulgaria, Albania, Cina, Inghilterra, Israele, Bosnia, Grecia, Scozia, Belgio).

Più della metà dei concerti saranno prime assolute (8) e prime nazionali (4) su un totale di 23 concerti.

07 Luglio

PROLOGO – OMAGGIO A DE ANDRE’

Roccella Ionica – Waterfront Lungomare Sisinio Zito

XXXIX

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ

edizione

“RUMORI MEDITERRANEI”

L’11, a quattro giorni di distanza, si proseguirà con la rassegna “JONIAN SEA WATERFRONT REVIEW”, che durerà fino al 13 luglio. Sarà la seconda edizione della sezione di luglio e si terrà in Largo Colonne Rita Levi Montalcini che è adiacente al nuovo Waterfront. Si tratterà di una “vetrina” del jazz italiano lontana dalle “icone storiche” che affollano gli altri festival. Sei le formazioni ospitate, tra le quali anche alcune band affiancate da grandi protagonisti del jazz mondiale per dare forza e fascino ai progetti innovativi dei musicisti italiani. Stelle del jazz e della musica contemporanea come Glen FerrisArturo Annecchino e Joyce Elaine Yuille, infatti, saranno gli attrattori di questa sezione che si propone di lanciare un evento diverso dalla rassegna storica che, rispettando la tradizione, si terrà ad agosto e sarà dedicata al jazz proveniente dall’oriente.

Giorno 11, l’apertura toccherà al quartetto di un veterano del jazz italiano, quello del batterista Aldo Bagnoni con il suo nuovo progetto “The connection”. Il poliedrico ed esperto musicista barese, infatti, proporrà un programma di brani che saranno compresi nel suo imminente lavoro discografico e sarà affiancato da tre figure di primo piano della scena jazzistica pugliese. A seguire il Glen Ferris Italian Quintet, la consolidata formazione guidata dal prestigioso trombonista statunitense, che annovera alcuni tra i migliori musicisti italiani. Ferris, che nel passato è già stato ospite del Festival con Steve Lacy, presenterà una performance all’insegna dell’ormai rodato progetto discografico “Animal love” che, oltre a comprendere delle composizioni dei membri del gruppo, riesce a riprendere una certa atmosfera che rimanda alle sue collaborazioni con il grande Frank Zappa.

Giorno 12 toccherà al Chironomids electric dream di Giovanni Mancuso aprire la serata con “Jodorowsky’s eye” un tributo al geniale regista cileno Alejandro Jodorowsky. Quello di Mancuso  è un ensemble fa della sperimentazione il proprio punto di forza e trova nel cinema una fonte di ispirazione. Lo stesso giorno, Arturo Annecchino, un altro sudamericano instancabile autore di produzioni per il cinema, la danza e il teatro, sarà il protagonista del secondo set. Il pianista e compositore venezuelano dirigerà, infatti, la sua Symphònia Bandnell’esecuzione di “Missalaika”, un suggestivo progetto musicale che si addentra in molte aree e generi della musica contemporanea.

Giorno 13, invece, sarà Raf Genovese, un nuovo talento del nostro paese, ad aprire la serata con il suo trio. Il giovane e talentuoso pianista siciliano presenterà un programma di brani del suo ultimo Cd insieme a due affiatati compagni di viaggio. La chiusura della rassegna sarà affidata al quartetto italiano della cantante Joyce Ealine Yuille che si è ormai stabilita nel nostro paese. Dalla star newyorchese sarà facile aspettarsi una performance all’insegna dell’eleganza e dell’esperienza.

11/13 Luglio

 

JONIAN SEA WATERFRONT REVIEW

Roccella Ionica – Largo Rita Levi Montalcini

Le note del Direttore Artistico Vincenzo Staiano

11 Luglio

ore 21.30

Aldo Bagnoni, batteria, composizioni, arrangiamenti
Emanuele Coluccia, sax tenore e soprano, flauto
Giampaolo Laurentaci, contrabbasso
Mauro Tre, pianoforte, tastiere

ore 22.30

Glenn Ferris, trombone
Mirco Mariottini, clarinetti
Giulio Stracciati, chitarra elettrica
Franco Fabbrini, basso elettrico
Paolo Corsi, batteria 
ALDO BAGNONI  “THE CONNECTION”
“ANIMAL LOVE” – GLENN FERRIS ITALIAN QUINTET

12 Luglio

ore 21.30

Vida Borojevic, Giovanni Mancuso: sintetizzatori
Gaia Sessa: arpa elettrica
Elia Biasi: trombone
Raul Catalano: batteria
Alessio Ghezzi: batteria e vibrafono
Marco Centasso: basso elettrico
Composizoni di Giovanni Mancuso

ore 22.30

Arturo Annecchino, pianoforte
Martina Sciucchino, voce
Simone Stopponi, chitarra elettrice e voce,
Luca Costantini, batteria
Filippo Barracco, tastiere e sint,
Alberto (Bobo) Porcacchia, chitarra elettrica
Emanuele (Lillo) Ranieri, basso elettrico
 
 

“JODOROWSKY’S EYE” – CHIRONOMIDS ELECTRIC DREAM

“MISSALAIKA” – SYMPHÒNIA BAND

13 Luglio

ore 21.30

Raffaele Genovese, pianoforte
Carmelo Venuto, contrabbasso
Emanuele Primavera, batteria

ore 22.30

Joyce Elaine Youille, voce
Daniele Gorgone, pianoforte
Daniele Sorrentino, contrabbasso
Elio Coppola, batteria

RAFFAELE GENOVESE TRIO

JOYCE ELAINE YOUILLE QUARTET

“COME UN’ANOMALIA. VENT’ANNI SENZA FABRIZIO DE ANDRÉ”

Clicca qui per scaricare il Pdf

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.