SERIE D | CITTANOVESE, PANCHINA ANCORA SENZA TITOLARE

85

Tanto relax in casa giallorossa, forse troppo. Dal termine del campionato, due sono stati i comunicati roboanti della società pianigiana tesi ad annunciare alla tifoseria l’apertura di un nuovo ciclo dopo la fine dell’era Zito. Ma, al di là delle brillanti dichiarazioni di intenti, la situazione appare stagnante sotto il profilo tecnico.

Intervallate da un robusto lasso di tempo, caratterizzato da un silenzio assoluto, le due note societarie sembrano squilli di tromba in pieno deserto: si è appreso soltanto che la base sociale è stata allargata, che i maggiori sponsor hanno confermato il sostegno al team giallorosso per assicurare un raggiante futuro alla squadra e che la ricerca di linfa economica proseguirà per tutta l’estate. Notizie indubbiamente positive, sicuramente effervescenti sul piano della comunicazione mediatica. Quanto però a novità sulla concreta programmazione tecnica della nuova stagione – aspetto di grande interesse per la tifoseria – il silenzio è tombale. Non è tempo, ovviamente, di aspettarsi dei nomi quanto all’organico, seppure lo scorso anno il fiume di indiscrezioni sul punto dava l’idea di una maggiore vitalità societaria, circostanza che contribuiva ad alimentare l’entusiasmo dei tifosi. Ma almeno sapere, anche a non poter fare presentazioni, se sia stato individuato l’allenatore che nel prossimo torneo dovrà guidare i giallorossi appare il minimo indispensabile per guardare con maggiore ottimismo al futuro. Vero che sin dallo scorso mese la società ha fatto intendere che, in un’ampia rosa di nomi (quanto davvero ampia?) il prediletto era da individuarsi in Ivan Franceschini, tuttavia da allora l’unica certezza è che formalmente la Cittanovese è ancora senza guida tecnica.

Dieci giorni fa la società con piglio deciso ha affermato: «Entro la fine della prossima settimana verrà annunciato il nome del nuovo allenatore. Subito dopo si aprirà la sessione di mercato per l’allestimento della rosa». Il nome del nuovo tecnico non è pervenuto. Nulla di grave se si dovrà aspettare qualche altro giorno. Indugiare però oltre comporterà una pericolosa dilatazione di tempi nel programmare e disegnare la rosa. Il relax sul versante tecnico è stato abbondante, se si vuole continuare in un progetto vincente è bene caricare la sveglia.

FLAVIA BRUZZESE (Gazzetta del Sud)

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.