Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

SIDERNO- SI CERCA DI RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA “PUZZA”

221

 La responsabile dell’ Osservatorio cittadino Rifiuti, Maria Rosaria Tino , ha dato comunicazione dei risultati di un sopralluogo tecnico effettuato presso l’ Impianto di smaltimento dei rifiuti di contrada San Leo, dopo le nuove recenti proteste dei cittadini per i forti nauseabondi odori che si sono avvertiti negli ultimi giorni. Al sopraluogo – ha precisato la sig.ra Tino , hanno partecipato esperti della Odortel di Bari, specializzati nel monitoraggio del territorio per la ricerca delle fonti odorigene. Intanto è stato deciso , presso il Tmb di rimuovere il cippato del Biofiltro , incombenza che è subito iniziata dopo il sopraluogo. E’ stata quindi avvertita la necessità di fare il punto della situazione anche perchè – ha precisato Mariarosaria Tino “Non è comunque questo l’unico caprio espiatorio della nuova precarietà maturata in quest’ultimo periodo. Si sta valutando anche il concentramento di altre fonti perchè le nuopve problematioche hanno dato adito a nuovi sospetti ” Dopo il sopraluogo presso il Tmb pertanto si è tenuto un vertice presso la sala comunale sempre con gli stessi professionisti della Odortel e alla presenza di un rappresentante della Regione, della Commissaria Matilde Mulè e dell’ing. Fazzari, responsabile di settore per il Comune, presente anche la stessa Maria Rosaria Tino per l’Osservatorio Cittadino e un numero molto esiguo di cittadini. Gli esperti per poter effettuare al meglio i rilievi e per poter collocare le centraline per la ricezione, hanno chiesto ai cittadini di comunicare il momento e la densità odorigena in tempo reale, tramite un’App, che si sono premurati di istallare immediatamente . Nel corso dell’incontro sono state, intanto, evidenziate le situazioni di disagio comunicate alla stessa presidente Tino e all’ Ing. Fazzari da molti cittadini e quanto dagli stessi illustrate con dovizia di particolare nei vari gruppi ambientali presenti sui social anche se Mariarosaria Tino non ha mancato di rammaricarsi per l’assenza di cittadini dei S, Leo, Oliveto, Zammariti, Campo e della stessa ss. 106 dove sono anche ubicati alcuni esercizi commerciali interessati dai miasmi. Ad ogni buon conto è stato comunque deciso che tutti i cittadini che ne faranno richiesta saranno dotati di un link da scaricare sul proprio cellulare per fornire indicazioni utili al monitoraggio in tempo reale. A margine della riunione Mariarosaria Tino ha dato comunicazione che è giunta notizia da parte della Regione Calabria che si sta provvedendo al riciclo del materiale Biofiltrante e che i lavori dureranno circa 1 settimana. Pertanto ci potrebbero essere ulteriori problemi a causa del dimezzamento della funzione dello stesso.

ARISTIDE BAVA

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.