La Diocesi di Locri-Gerace ottiene 4 milioni dalla Regione a favore dei beni culturali

316

La Diocesi di Locri-Gerace ottiene dalla Regione Calabria finanziamenti per circa 4milioni di euro a favore dei beni culturali ecclesiastici. Il vescovo Francesco Oliva ha infatti sottoscritto, nella giornata di ieri, gli atti di delega per le convenzioni di ben cinque interventi di restauro e valorizzazione di altrettanti siti religiosi. Si tratta in particolare del restauro, consolidamento e valorizzazione del convento di Sant’Ilarione di Caulonia  per un milione e quattrocentomila euro, il restauro e recupero funzionale della concattedrale di Gerace, relativamente alla cripta della chiesa stessa, per l’importo di un milione di euro,  del restauro e recupero funzionale del santuario della Madonna della Montagna di Polsi a San Luca per 500mila euro e del recupero e restauro funzionale della chiesa Matrice di Stilo per un importo di 200mila euro a cui si aggiungono i 350mila euro già in essere e concessi dal Ministero dei Beni Culturali per la conclusione dei lavori  e la riapertura al culto dell’edificio di culto chiuso ormai da 22 anni. A questi interventi, la cui gestione è stata delegata al segretariato regionale del MiBact, si aggiungono altri 700mila euro per il recupero funzionale    del convento dei Cappuccini  sempre di Gerace la cui gestione è stata delegata al Comune di Gerace. Nella Sala Oro della cittadella regionale di Germaneto, oltre al presule della diocesi di Locri, vi erano anche gli amministratori dei comuni di Stilo, San Luca e Gerace, interessati alle opere,  insieme ad altri vescovi e sindaci calabresi che hanno usufruito dei contributi provenienti dal Fondo di Sviluppo Comunitario 2014-2020. Un piano  con due interventi strategici (di cui quello di ieri è solo il primo) e che ha messo in movimento, attraverso la presidenza regionale e l’assessorato ai beni culturali di concerto con il Segretariato Mibac per la Calabria, qualcosa come 72 milioni di euro per un totale di 109 interventi di recupero e valorizzazione di numerosi attrattori religiosi.  L’evento di sottoscrizione delle convenzioni degli interventi era presieduto dal governatore Mario Oliverio e dal direttore del Segretariato regionale MIBAC, Salvatore Patamia, a cui hanno preso parte l’Assessore alle Attività Culturali Maria Francesca Corigliano e il Dirigente generale del Dipartimento Urbanistica e Beni culturali Domenicantonio Schiava. Viva soddisfazione è stata espressa dal Vescovo Oliva che ha evidenziato “la portata storica dei finanziamenti che rappresentano per la Diocesi di Locri un’opportunità unica e che consente il recupero di importanti siti religiosi espressione della fede e della storia di un popolo che ha bisogno di un riscatto culturale e sociale auspicando, comunque, che gli interventi possano avviarsi in tempi brevi e concludersi in tempi ragionevoli e  senza lungaggini burocratiche”.   

                                                                                 

 

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.