Lun. Mag 17th, 2021
Le Onlus al centro dell’operazione ‘Fake Onlus’ di questa mattina risultano collegate “a noti pluripregiudicati appartenenti alla ‘ndrangheta” e sarebbero state utilizzate per consentire a persone recluse di “accedere ai benefici di legge attraverso l’assunzione presso le predette cooperative”. Le onlus sarebbero state “sfruttate per fare ottenere a persone recluse, attraverso il rilascio di documentazione falsa, la concessione della misura alternativa alla detenzione da parte del magistrato di sorveglianza”.
Facebook Comments
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.