Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Portigliola (Rc): Festival del Teatro Classico, si comincia! Lunedì 15 luglio l’anteprima

51

Appuntamento alle ore 21:30 con una rivisitazione del dramma di Edipo che pone l’accento sul conflitto generazionale. Nicola Fano dirige il grande interprete Giuseppe Pambieri in uno spettacolo prodotto dal Teatro della Città Catania – Centro di Produzione Teatrale.

L’attesa per la nuova stagione del Festival “Tra Miti e Storia” è finalmente terminata. Lunedì 15 luglio, infatti, alle ore 21:30, presso il Teatro Greco Romano di Portigliola, sarà finalmente messa in scena l’anteprima di questa edizione 2019.

Si tratta di Un Edipo, un’opera prodotta dal Teatro della Città Catania – Centro di Produzione Teatrale per la regia e i testi di Nicola Fano, che vedrà calcare la scena a Giuseppe Pambieri, Silvia Micunco e Giuseppe Spezia. Lo spettacolo, che gode delle scene e dei costumi di Teresa Fano e delle musiche di Fabia Salvucci, ha debuttato nel mese di Giugno ad Asti nell’ambito del Festival della nuova drammaturgia italiana e promette di attualizzare il dramma di Edipo ponendo l’accento sul conflitto generazionale.

Trasportandoci in un luogo senza spazio e senza tempo, infatti, Fano, che riunisce in quest’opera la sua duplice veste di storico e docente, fa muovere sulla scena un vecchio Edipo, ormai cieco e deluso da sé e dalla vita, sua figlia Antigone e il figlio dell’indovino Tiresia, rabbioso nei confronti del re per il trattamento riservato al padre. Il grimaldello di Sofocle risulta perfetto per scardinare il conflitto tra padri e figli (e, per estensione, tra giovani e anziani) ponendosi dalla parte degli sconfitti, ossia dalla parte di una generazione che non riesce a trovare nella propria lotta quotidiana per la sopravvivenza le ragioni e i valori che hanno mosso chi l’ha preceduta.

Quasi a dar corpo a questa lotta anche nello stile della rappresentazione e per gettare un ponte fisico fra le generazioni, a mettere in scena questo testo ci sono da un lato un grande interprete “di tradizione” e, dall’altro, due giovani attori, che si muoveranno in un ambiente scenografico e sonoro realizzato da altre due giovani artiste.

Una messinscena unica, pensata e realizzata specificamente per un pubblico di giovani, che rappresenterà il modo ideale di dare l’abbrivio a una stagione che promette di regalare grandissime emozioni.

Ufficio Stampa

Festival del Teatro Classico di Portigliola

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.