GIOIA TAURO: SANT’IPPOLITO CADE E… SI ROMPE UN BRACCIO

637

Durante il trasbordoda una varetta all’altrada parte dei portatori

La processione di Sant’Ippolito Martire, patrono di Gioia Tauro, che si è svolta martedì sera ha dovuto fare i conti con un “fuori programma” che ha destato parecchia preoccupazione tra i fedeli.

La statua del Santo, durante il trasbordo da una varetta all’altra da parte dei portatori dell’Associazione cittadina portatori di Sant’Ippolito Martire, ha traballato pericolosamente ed è caduta sull’asfalto. Nella caduta, un braccio del simulacro si è spezzato: un cattivo presagio secondo numerosi fedeli, ma anche – incredibilmente – l’occasione per una serie di polemiche che nella giornata di ieri hanno riguardato proprio i portatori, accusati da qualcuno di non aver trasportato il Santo con la dovuta attenzione.

Polemiche alle quali ha messo fine, con un post su Facebook, proprio il presidente dell’Associazione portatori Enzo Gioffrè il quale – scrivendo scherzosamente a nome del Santo patrono – ha rassicurato tutti sulle condizioni della statua, che non ha riportato altri danni e che verrà restaurata in tempi brevi da parte di personale specializzato, e soprattutto facendo giustizia delle accuse ai portatori e delle interpretazioni “apocalittiche” dell’accaduto.

È la prima volta, a memoria d’uomo, che durante la processione di Sant’Ippolito Martire la statua cade e subisce dei danni.

d.l. (GAZZETTA DEL SUD)

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.