PARCO DELL’ASPROMONTE, TRE GIORNI DI EVENTI TRA INCONTRI DI NATURA E INCONTRI DI LETTURA

134

E’ una settimana ricca di eventi per il Parco dell’Aspromonte. Gli Incontri di Natura in versione estiva,
si trasferiscono per il mese di agosto dalla città alla montagna. Il ciclo di conferenze organizzato
dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte insieme al Touring Club Italiano, Club di Territorio di
Reggio Calabria, e al Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane dell’Università
Mediterranea, riprenderà nella speciale location dell’Osservatorio di Cucullaro (Santo Stefano in
Aspromonte) con l’obiettivo di presentare la Biodiversità e il ruolo del Parco per la sua protezione.
Si comincia giovedì 8 agosto, alle 17, con il mondo degli insetti: recentemente l’Aspromonte è balzato
agli onori delle cronache per la scoperta di organismi nuovi per la Scienza. Se ne parlerà con
Francesco Manti ed Elvira Castiglione, entomologi da tempo impegnati in studi specici sull’Area
Protetta.
Le specie più interessanti sono quelle rare, che in tutto il loro areale sono quasi scomparse e
sull’Aspromonte trovano ancora rifugio, a testimonianza dell’ottima qualità ambientale della nostra
montagna, ma anche quelle di interesse biogeograco, ossia di grande rilievo per la particolare
distribuzione geograca, da noi presenti con popolazioni isolate dalle altre oggi conosciute, in Italia o
in Europa.
L’assoluta novità è rappresentata dalla parentesi di venerdì 9 agosto con gli Incontri di Lettura, altro
evento che il Parco ha deciso di proporre nell’estate aspromontana: Gambarie ospiterà infatti alle
17.30, “Parole sull’Aspromonte”, un aperitivo in piazza Mangeruca per presentare alcune pubblicazioni
apparse negli ultimi mesi che, a vario titolo, riguardano il nostro territorio. Il “Carteggio inedito
Alvaro-Laterza”, il testo “Gli Uccelli”nidicanti nei boschi e nelle aree aperte del Parco Nazionale
dell’Aspromonte realizzato nell’ambito di speciche ricerche su alcuni ambienti dell’Area protetta e
“Tutto scorre”, un originale studio su l’Aspromonte e le sue antiche macchine idrauliche della vallata

del Gallico. Quest’ultima pubblicazione verrà presentata insieme agli autori, Domenico Malaspina e
Antonino Sapone.
Sabato 10, sempre alle 17 presso l’Osservatorio, sarà la volta del secondo appuntamento con gli
Incontri di Natura “Scoiattolo e Driomio: l’importanza di una specie comune e di una specie rara per
l’Aspromonte”, due roditori piuttosto simili tra loro per i non esperti, ma profondamente diversi sotto
tanti punti di vista. Se, infatti, lo Scoiattolo è una specie comune e facilmente visibile, oltre che
conosciuta da tutti, il Driomio è pressoché sconosciuto a chi non si occupa di zoologia, anche per le
abitudini notturne e per la grande rarità.
Gli scoiattoli dell’Aspromonte sono stati recentemente riconosciuti come differenti rispetto ai loro
simili che vivono sulle Alpi e sull’Appennino: è stata infatti ufcializzata la nuova specie dello
Scoiattolo meridionale, unica al mondo.
Il Driomio, da parte sua, mostra interessantissime caratteristiche per gli scienziati: la sua
distribuzione è esclusivamente alpina, a parte alcune popolazioni isolate sull’Aspromonte dove si sta
studiando geneticamente la specie per valutare, anche in questo caso, la sua diversità rispetto agli
altri settori del suo ristretto areale. All’incontro è prevista la relazione dei ricercatori, specializzati in
materia, Gaetano Aloise, Vincenzina Fava e Milena Provenzano.
La tre giorni di Incontri di Natura e Lettura si inquadrano nel più ricco programma di iniziative
dell’Estate d’Aspromonte inaugurate il 15 giugno scorso con l’evento “Luci sul Parco” e che si
concluderà il 22 settembre prossimo a Bova: attività che vogliono esaltare i valori naturalistici,
culturali e ricreativi che rendono unica l’Area Protetta e caratterizzano uno stile di vita in piena
armonia con l’ambiente.
La partecipazione agli eventi del Parco è, come sempre, gratuita.
Ufcio Stampa Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.