PRESENTATO GREG A GIOIOSA

344

UNA INIZIATIVA SU UN FILM CHE HA RICEVUTO IL RICONOSCIMENTO DI “AMNESTY INTERNATIONAL” E DI “NESSUNO TOCCHI CAINO” !
ROSANNA ROMELLANO, GIOIOSANA CHE VIVE A FIRENZE: IL REGISTA DI LUNGO CORSO GIUSEPPE FERLITO -SCOPRENDOLA- HA VISTO IN LEI “INATTESE DOTI INTERPRETATIVE” E COSI’ L’HA SCELTA PER SVOLGERE IL RUOLO CENTRALE DI “PRESIDE” NEL FILM “GREG”, CHE RACCONTA LA STORIA VERA DI UN CONDANNATO A MORTE USA, PROCLAMATESI SEMPRE INNOCENTE. :

 

POTETE VEDERE IL FILM (UN MEDIOMETRAGGIO DI 35 MINUTI) DOMANI VENERDI’ 9 AGOSTO NELL’ATTREZZATO E RINNOVATO GIARDINO DI PALAZZO AMADURI CON INIZIO ALLE ORE 21,00.

L’INIZIATIVA E’ DEL CLUB UNESCO DI GIOIOSA JONICA CON IL PATROCINIO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE,

UNA SCELTA, QUELLA DI PRESENTARE A GIOIOSA JONICA IL FILM CHE HA COME PROTAGONISTA LA NOSTRA CITTADINA ROSANNA ROMELLANO, VOLUTA E PERSEGUITA CON DETERMINAZIONE DAL PRESIDENTE PRO LOCO E CLUB UNESCO NICODEMO VITETTA.

UNA SCELTA GIUSTISSIMA E DOVEROSA, NON SOLO PERCHE LA ROMELLANO E’ DI GIOIOSA ED E’ CONOSCIUTISSIMA SOTTO ALTRE VESTI, MA PERCHE’ IN QUESTO FILM -COME HA BEN DETTO IL REGISTA FERLITO- ROSANNA, ALLA SUA PRIMA CASUALE ESPERIENZA, HA DIMOSTRATO DOTI INTEPRETATIVE CHE LASCIANO A BOCCA APERTA, PER UNA CHE DI ATTIVITA’ CINEMATOGRAFICA NEMMENO CI PENSAVA !

CHI HA VISTO IL FILM IN ANTEPRIMA E’ RIMASTO SBALORDITO, ROSANNA HA INTERPRETATO IL PERSONAGGIO COME FOSSE STATA DA SEMPRE UNA CONSUMATA ATTRICE.
DUNQUE NON SOLO SCELTA DI IMMAGINE PER UNA GIOIOSANA CHE RENDE ONORE AL PAESE MA PRINCIPALMENTE PER IL MERITO DELLA PERFETTA INTERPRETAZIONE ATTOREA CHE HA PRODOTTO.

DUNQUE UNA ROSANNA ROMELLANO: VERAMENTE STRAORDINARIA IN UN FILM CHE TRATTA UN ARGOMENTO DELICATISSIMO E DIFFICILE COME QUELLO DELLA PENA DI MORTE,

MERITO DUNQUE PRINCIPALMENTE AL CLUB UNESCO RAPPRESENTATO DA NICODEMO VITETTA, QUINDI ALLA ROMELLANO CHE HA ACCETTATO ED ACCOLTO CON ENTUSIASMO L’INIZIATIVA, ED ANCHE ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE -NELLE PERSONE DEL SINDACO FUDA E DELL’ASSESSORE LIDIA RITORTO- CHE E’ STATA PRONTA AD ACCOGLIERE IL CAMBIO DI LOCATION.

La proiezione doveva avvenire in Largo Cesare Battisti, a lato di Piazza Vittorio Veneto, avrebbe fatto seguito la presentazione del libro “Ndrangheta addosso” di Cosimo Sframeli con la partecipazione della ex-Preside del Liceo Scientifico di Gioiosa Jonica Mariarosaria Russo e Federica Punturiero, figlia di Maria Chindamo, l’imprenditrice e commercialista di Laureana di Borrello scomparsa nel nulla il 6 maggio 2016.
Ma dopo aver fatto il sopralluogo sia in Largo Battisti che a Palazzo Amaduri è stato valutato che il traffico e la presenza in quella fascia oraria di moltissime persone in piazza, avrebbero potuto “disturbare” la proiezione, che invece richiede massimo isolamento e concentrazione, stante l’intensità degli sviluppi del film. Così -condividendo la preferenza espressa della protagonista del film – è stato deciso -d’intesa anche con l’Amministrazione Comunale- di proiettare il film nel giardino di Palazzo Amaduri, ritenuto luogo più appartato e attrezzato per comode proiezioni (approfittando della iniziativa FilMuzik di Bird Production).
La presentazione del libro di Cosimo Sframeli è invece confermata il Largo Cesare Battisti.

“GREG” AMICO DEGLI STUDENTI TOSCANI. 
LA SUA STORIA IN UN FILM, CHE HA COME CO-PROTAGONISTA LA NOSTRA COMPAESANA, LA STRAORDINARIA SORPRENDENTE (E PERCHE’ NO, BELLISSIMA E BRAVISSIMA) ROSANNA ROMELLANO, ALLA SUA PRIMA ESPERIENZA CINEMATOGRAFICA.

UNA SCELTA PER FAR INTERPRETARE IL RUOLO CENTRALE DI “PRESIDE” CHE E’ STATA CASUALE “A PRIMA VISTA”, SPONTANEA, DI GIUSEPPE FERLITO, REGISTA DI LUNGO CORSO, VINCITORE DI NUMEROSI FESTIVAL NAZIONALI E INTERNAZIONALI.
.
iL FILM E’ STATO PRESENTATO A FIRENZE IL 26 FEBBRAIO NEL CINEMA FIAMMA.
Ecco cosa ha scritto in merito il giornale “LA NAZIONE” di Firenze.
.
“Firenze, 22 febbraio 2019 – Aveva quarantotto anni, Gregory Summers, quando fu giustiziato in una prigione del Texas. Era accusato di aver organizzato l’omicidio dei suoi genitori adottivi, per incassare 24mila dollari di assicurazioni. Ne avrebbe dati 10mila all’assassino. Ma in realtà, di prove certe non ne hanno trovate mai. E lui si è sempre dichiarato innocente.

Un suo appello venne letto da un’insegnante toscana. La preside di una scuola media di Navacchio, vicino Pisa. 
Questa donna raccontò la storia di Greg agli allievi della scuola.

La raccontò bene, evidentemente: perché molti di loro scrissero a quell’uomo. 
Nacque una corrispondenza durata anni.

Ma non basta l’entusiasmo di centinaia di ragazzi italiani – e di altri, in tutto il mondo – per cambiare un finale che sembrava già scritto. 
La condanna a morte fu eseguita il 25 ottobre 2006, alle 9 e un quarto del mattino. 
Gregory, prima di morire, aveva espresso un desiderio. Essere seppellito in Toscana. In quella Toscana da cui provenivano le lettere di quei ragazzini.

Quella Toscana che, primo Stato al mondo, aveva abolito la pena di morte, il 30 novembre 1786.

E così è stato: Greg è seppellito nel Cimitero nuovo di Cascina.

Una storia, quella di Greg, che ha appassionato Giuseppe Ferlito, regista indipendente di lungo corso, vincitore di numerosi festival nazionali e internazionali, fondatore del laboratorio cinematografico Immagina. Ferlito, con la sola forza del suo entusiasmo e degli allievi della scuola, ci ha fatto un film. 
Un film di trenta minuti circa, che si chiama semplicemente “Greg”.
A interpretare Greg, Fabio Baronti, il fondatore della Compagnia delle Seggiole. 
Nel ruolo della preside della scuola, accorata e partecipe, ROSANNA ROMELLANO nella quale Ferlito “HA TROVATO INATTESE DOTI INTERPRETATIVE”.

Un gruppo di ragazzini, o un’insegnante appassionata e vibrante, possono salvare una vita? Forse no. 
Ma forse possono cambiare, per una infinitesima parte, il nostro punto di vista sulle cose, scalfire le certezze di qualcuno. Contribuire a costruire un mondo diverso, probabilmente migliore.”

Vincenzo Logozzo 
Gioiosa Jonica, giovedì 8 agosto 2019

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.