Sanità:Pedà,illogica mancanza servizio emodinamica Polistena

102

“No a disagi pazienti costretti a trasferimenti altri ospedali”

Il consigliere regionale Giuseppe Pedà, componente della III Commissione Sanità, interviene sull’istituzione del servizio di emodinamica all’ospedale di Polistena, rivolgendo un appello al Commissario prefetto Meloni dell’Asp5 di Reggio Calabria “perché si consenta di azzerare la corsa contro il tempo per le centinaia di pazienti che arrivano in condizioni critiche, con un impegno di spesa inferiore a quanto si spende per i trasferimenti d’urgenza”. “Condivido le riflessioni del dott. Enzo Amodeo, stimato cardiologo e direttore dell’Uoc – Utic di Polistena – afferma Pedà – in merito all’istituzione, peraltro prevista dall’atto aziendale, del servizio di emodinamica nel sopracitato presidio ospedaliero dove già esiste un reparto di cardiologia dotato di ottime attrezzature e di un’eccellente équipe medica capace di dare risposte assistenziali ad un vasto bacino d’utenza; una terapia intensiva cardiologica all’avanguardia e una Uoc di Rianimazione attrezzata con strumentazione moderna. E ritengo opportuno rivolgere un appello alla grande sensibilità del Commissario dell’Asp di Reggio Calabria, Prefetto Meloni, da qualche mese impegnato in una grande ed encomiabile opera di risanamento e di ripristino delle regole all’interno della stessa azienda, affinché valuti la fattibilità di quanto auspicato, dando risposte agli utenti e agli operatori di una sanità che, oltre a rientrare nel perimetro della legalità, torni ad essere efficiente ed efficace”. Per Pedà si tratta di “un servizio essenziale e irrinunciabile in una moderna cardiologia la cui mancanza nella brillante cardiologia dell’Ospedale di Polistena è illogica e, oltre a procurare disagio ai medici che vi operano, causa serie difficoltà a quei pazienti cardiopatici, spesso gravi e problematici, che vi sono ricoverati e che necessitano di diagnosi invasiva o di terapia interventistica e devono sottoporsi al tormento di un temporaneo trasferimento presso l’Emodinamica di altri ospedali. E’ assurdo che le migliaia di utenti del bacino pianigiano, che aumentano vertiginosamente nel periodo estivo, siano considerati cittadini di serie B, non meritevoli di un servizio salvavita ed essenziale per la loro salute, e che quelle centinaia con dolore toracico acuto debbano essere dirottate in altre strutture lontane, con grave disagio per i pazienti e i loro parenti. È assurdo che proprio nelle emergenze cardiologiche, in cui ogni minuto è vitale e il ritardo mortale, sia prolungato il trasporto e quindi l’intervento, e ancor più considerando la complessità orografica, le lunghe distanze e la difficile viabilità del nostro territorio”. “Ormai da tempo – prosegue il consigliere regionale – i cittadini mostrano insofferenza e indignazione per la situazione della sanità nel comprensorio e rilevano la necessità che gli enti competenti diano delle precise risposte alle loro legittime aspettative per il miglioramento della qualità della loro vita mediante adeguati servizi sanitari. Ci sono le condizioni affinché il servizio di emodinamica possa essere istituito a Polistena, ci sono le capacità professionali e la volontà professionali per gestirlo”.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.