I RAGAZZI DI LA PLATA NELLA “LORO” BIVONGI

280

«Aspettiamo una risposta dal presidente Irto per uno scambio culturale»

Continuano gli scambi culturali tra gli studenti della scuola d’italiano di La Plata, fondata dalla comunità bivongese e riconosciuta dal governo argentino, e Bivongi. Un gruppo di ragazzi è giunto nella prima settimana di settembre, ospitato nell’oratorio “Mamma Nostra”, guidati dal responsabile amministrativo della scuola argentina Benito Pisano, che ha presentato alle autorità e ai cittadini nei vari incontri i suoi ragazzi. che che avevano conosciuto nella scuola di La Plata il loro paese d’origine attraverso immagini e filmati ma non c’erano mai stati.

Dopo le visite nella vallata bizantina dello Stilaro, ai monumenti. dopo le gite a Serra San Bruno, al mare di Soverato e in altre località turistiche, hanno espresso grande soddisfazione per quanto visto e per i rapporti umani instaurati con la cittadinanza e specie con i loro coetanei.

Una visita positiva, il commento di Pisano, che bisognerebbe estendere ad altri ragazzi per tenere alto il rapporto tra la nostra comunità di La Plata e Bivongi. «Purtroppo, per riuscire a organizzare questi viaggi – ha detto Pisano – occorrono grandi sacrifici e da noi il pesos non è come l’euro. Le famiglie aiutano i propri figli ad arricchirsi culturalmente, ma non tutti hanno i mezzi per andare oltre. Avevamo intrapreso un approccio con la segreteria del presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, che si era dimostrata interessata a uno scambio culturale tra studenti, ma ancora non abbiamo avuto risposta. Avevamo chiesto un incontro sempre a Irto in occasione dell’arrivo di questi nostri ragazzi di La Plata ma nessuno si è fatto vivo. Non mi resta che fare un appello alle istituzioni calabresi, di essere più sensibili a una realtà riconosciuta dal Governo argentino, dove in molti chiedono di frequentare la scuola per imparare l’italiano. Così come vorremmo vedere ragazzi di Bivongi e calabresi a La Plata. Un modo – conclude Pisano – di mantenere viva per noi Bivongi, per non perdere quanto gli anziani hanno costruito fino a oggi».

Ricordiamo che dopo la visita nella comunità bivongese di La Plata del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, si erano creati i presupposti per un programma di scambio che Benito Pisano ha consegnato all’assessore Franco Passarelli, afficnhé lo presentasse agli organismi regionali. Progetto che abbraccia scambi culturali, turismo, mostre, artigianato e ancora, contatti tra le scuole con lezioni di lingua italiana e spagnolo “castellano” ma anche di dialetto attraverso la rete internet.

Da sottolineare che la comunità bivongese di La Plata è, forse, l’unica realtà al mondo in cui gli emigrati calabresi siano riusciti a far nascere una scuola d’italiano e, dopo 50 anni ad ottenere il riconoscimento ufficiale dal Governo argentino.

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.