LOCRI, PER L’OMICIDIO FEMIA PROCESSO SENZA COLPEVOLI

310

«L’esito di tale rivalutazione di tutti gli elementi evidenziati, ma anche di altri, dal punto di vista del giudizio complessivo finale, è desolante». Lo scrivono i giudici della Corte di Assise di Appello di Roma nella motivazione della sentenza con cui hanno assolto Massimiliano Sestito e Francesco Pizzata dall’accusa di essere gli esecutori dell’omicidio di Vincenzo Femia, originario di Casignana nella Locride, ucciso a Roma il 24 gennaio 2013.

 

In circa 30 pagine, scrive la Gazzetta del Sud in edicola, i giudici della II Corte romana non hanno ritenuto credibile il collaboratore di giustizia Gianni Cretarola: «Il suo racconto – si legge – è incerto in molti punti e a tratti palesemente incredibile, in aperto contrasto con le altre risultanze processuali».

Fonte: rocco muscari- gazzettadelsud.it

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.