Siderno Superiore: Prosa e poesia in piazza Cavone cuore pulsante del borgo antico

100

Un luogo “recente” ma già al centro degli itinerari culturali della Locride

Nella suggestiva location di piazza Cavone di Siderno Superiore “La prosa ha incontrato la poesia” con la presentazione del romanzo di Renato Pancallo “Il testamento di palazzo Fragalà” (2019, Pellegrini) e la raccolta di poesie di Martino Ricupero “Senteri” (2019, Grafiche Spataro). La serata è stata introdotta dal presidente del Comitato “Pro piazza Cavone” Aldo Caccamo e poi gli autori dei due libri hanno simpaticamente dialogato con Gianluca Albanese che, dosando i tempi di ogni intervento, li ha coinvolti in maniera molto efficace destando grande interesse tra il folto pubblico.

Prima degli interventi ufficiali Martino Ricupero, peraltro, ha voluto dedicare alla suggestiva piazza Cavone una sua singolare poesia prima recitata e poi donata al presidente Caccamo, in segno di gratitudine per la cura che il Comitato da lui diretto ha sempre prestato alla suggestiva pizza divenuta ormai un grande punto di riferimento sociale del borgo antico.

La serata ha quindi registrato la lettura da parte di Renato Pancallo di alcuni passi del suo libro, ambientato nella Sicilia a cavallo tra gli anni ‘60 e ‘70 in cui un barone illuminato – Rolando Fragalà – scelse di lasciare in eredità la cospicua somma di cinquecento milioni di lire a chi si fosse reso promotore di una banca popolare nel paese di Patanìa. Una decisione che, inevitabilmente, suscitò gli appetiti di molti, mafia compresa, dando vita alle avvincenti trame del romanzo.

Martino Ricupero, a sua volta, ha recitato una decina di poesie contenute nel suo libro, raccolte nei cinque capitoli fondamentali che rappresentano altrettanti sentieri nei quali si snoda l’opera dell’autore. Versi per certi versi struggenti e nostalgici ma che lasciano intravedere una vena di ottimismo e di voglia di vivere.

Una serata premiata da un ottimo successo, resa possibile dalla stretta sinergia tra lo spazio culturale “MAG La ladra di libri”, il comitato “Pro piazza Cavone” , la Pro Loco di Siderno e i funzionari delle aree interessate del Comune, Cesira Romania e Rosanna Lopresti, entrambe presenti alla manifestazione, e che hanno contribuito anche in maniera incisiva alle altre varie manifestazioni che hanno caratterizzato “l’Ulisse Calabrese ” con la mostra di Lawrence Ferlinghetti, il noto centenario artista americano della beat generation, che si concluderà proprio oggi nello storico palazzo Falletti e le attività ad essa collegate. Tutti eventi che hanno messo il borgo medievale di Siderno Superiore al centro degli itinerari culturali dell’estate nella Riviera dei Gelsomini.

ARISTIDE BAVA (Gazzetta del sud)

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.