UN FILM SULLA NEGATA LIBERTÀ SESSUALE DELLE DONNE: #FEMALE PLEASURE APRE – IN ANTEPRIMA – IL MYART 2019

94

Il Festival cinematografico sulle narrazioni alternative si apre in anteprima con un evento-anteprima con Female Pleasure, il documentario di Barbara Miller che racconta cinque donne straordinarie, mettendo a nudo legami universali per affermare un rapporto egualitario e gioioso tra i sessi… nel sesso.

Al cinema San Nicola di Cosenza, il 16 settembre 2019 alle 20.30 – In collaborazione con l’Istituto Svizzero, l’associazione Cinepresi e il Centro contro la violenza alle donne “Roberta Lanzino” di Cosenza e l’Associazione Nazionale D.i.Re “Donne in Rete contro la violenza”.


***

Cinque donne coraggiose di cinque religioni diverse si oppongono alla demonizzazione della sessualità femminile a causa dell’aumento del fanatismo religioso e mostrano la loro ricerca di una realizzazione a loro negata in questo mondo laico ipersessualizzato. Female Pleasure, il celebrato pluripremiato documentario di Barbara Miller spezza una lancia a favore della liberazione della sessualità femminile nel XXI secolo mettendo in dubbio sia millenarie strutture patriarcali, sia l’infiltrazione della cultura porno, diventata ormai comune. Un film sul diritto all’autodeterminazione sessuale per tutte le donne.

Nel suo documentario, la regista svizzera racconta con rispetto e humor cinque donne coraggiose che hanno deciso di ribellarsi al modello dominante di società maschiliste che le vuole sottomesse, invisibile, a volte annientate. L’arma dello loro lotta è la sessualità, vissuta liberamente, con gioia e garbo. Malgrado vivano in Paesi e culture molto diverse, queste cinque donne sono tutte parimenti moderne e unite da una volontà comune: (ri)prendere in mano la loro vita. Semplicemente.

Una battaglia quotidiana che permette loro di affermare, finalmente, la loro piena personalità, anche attraverso la sessualità, troppo a lungo soffocata. Female Pleasure confronta lo spettatore all’orrore che troppe donne devono sopportare in nome di una società patriarcale che non vede il corpo delle donne come nient’altro che uno strumento di procreazione.

Nel film documentario di Barbara Miller le donne hanno il pieno diritto di scegliere come vivere la loro vita riprendendo il controllo del proprio corpo e delle proprie emozioni. Ed è ciò che dovrebbe accadere a ogni donna, a qualunque latitudine e in qualunque contesto culturale e religioso.

Il film, che sarà proiettato al cinema San Nicola di Cosenza, il 16 settembre 2019 alle 20.30, apre – in anteprima, il MyART, il festival dedicato al cinema indipendente che, con proiezioni, discussioni e premiazioni di documentari e cortometraggi offre una narrazione alternativa su immigrazione e diritti umani. Consapevole del suo ruolo di avamposto in una regione del Sud dell’Europa, porta di accesso all’Unione sul versante del Mediterraneo, per il 2019 il MyART amplierà lo spettro dei “diritti violati”: quello delle donne, dedicando una particolare attenzione alle discriminazioni di genere  e i nuovi femminismi che utilizzano lo strumento cinematografico per raccontarsi e ritenendo – appunto – necessario un aperto, libero ed egualitario diritto al piacere sessuale tra i generi. Ed è per questi motivi che quest’anno, appunto,  l’evento è strato realizzato in collaborazione con l’associazione Cinepresi, il Centro contro la violenza alle donne “Roberta Lanzino” di Cosenza e l’Associazione Nazionale D.i.Re “Donne in Rete contro la violenza” (della quale fa parte anche il Centro “Lanzino”): la prima associazione italiana a carattere nazionale di centri antiviolenza non istituzionali e gestiti da associazioni di donne, che affronta il tema della violenza maschile sulle donne secondo l’ottica della differenza di genere, collocando le radici di tale violenza nella storica disparità di potere tra uomini e donne nei diversi ambiti sociali.

TRAILER:

https://youtu.be/T5Vkf5yVzoQ

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.