VENTICINQUE ANNI E TANTE SORPRESE PER LA RASSEGNA DI CITTANOVA

148

Si parte il 9 novembre con Salines il finale a marzo con Biagio Izzo, in mezzo altri grandi spettacoli

Prossima a festeggiare i 25 anni di vita, l’associazione Kalomena rinnova il suo impegno culturale con la nuova stagione teatrale di Cittanova e della Piana ricca di qualità, di novità e di percorsi artistici nel segno della pluralità. Teatro di prosa e classico, commedie brillanti, cabaret fest e spettacoli musicali: non mancherà nulla alla ventisettesima rassegna che prenderà il via il 9 novembre con l’opera “Chi ruba un piede è fortunato in amore” (protagonisti Antonio Salines e Francesca Bianco) e si concluderà il 27 marzo con Biagio Izzo in “Tartassati dalle tasse” (la campagna abbonamenti partirà al teatro Gentile sabato prossimo). Ed ancora, sul palcoscenico, Raul Bova, Alessandro Preziosi, Nancy Brilli, Tosca D’Aquino, Rossella Brescia e Michele Mirabella. «Gli spettacoli salgono a quattordici, di cui undici in abbonamento rispetto ai sette dello scorso anno, più l’evento speciale musicale del 28 dicembre con la Pfm che canta De André e la produzione originale teatrale “Dedalo” (19 marzo) a cura della scuola di recitazione della Calabria, partner ufficiale del Giffone Film festival, con la quale abbiamo rafforzato la collaborazione. Questo perché – sottolinea, nella sala Giuditta Levato di Palazzo Campanella, il presidente di Kalomena Girolamo Demaria – il nostro progetto non propone solo teatro, ma vuole sostenere il territorio con esperienze dal basso e valorizzando i giovani talenti».

Dopo i numeri da record dello scorso anno e la presenza di due grandi artisti internazionali come Giovanni Allevi e Noa, anche l’importante conferma quale direttore artistico di Antonio Salines, recentemente premiato quale miglior attore italiano. A sottolineare questo valore aggiunto, il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, il sindaco di Cittanova Francesco Cosentino, il direttore della Scuola di recitazione della Calabria Walter Cordopatri e il consigliere delegato della Città metropolitana Demetrio Marino, che auspica «la creazione di una rete dei teatri metropolitani».

«Sono contento di inaugurare la stagione con la commedia fortunata di Dario Fo e credo che Cittanova debba diventare un centro di produzione teatrale», dice lo stesso Salines. «La cultura è stata la madre del nuovo protagonismo di Cittanova, espressione di crescita delle nostre comunità», rilancia Cosentino. «Da 25 anni, in Calabria, manca una scuola di recitazione e noi, tre anni fa, abbiamo riempito questo vuoto in nome di una battaglia culturale che richiama l’esperienza del teatro civile», aggiunge Cordopatri. Nelle sue conclusioni, il presidente Irto tocca più punti: «Da cinque anni, il Consiglio regionale patrocina questa rassegna che mancherà sicuramente alla mia esperienza di presidente. Dispiace l’atteggiamento miope della Giunta che avrebbe dovuto storicizzare la manifestazione come evento regionale, ma sono sicuro che avrà comunque lunga vita per la passione, la capacità e la forza delle idee degli organizzatori. D’altra parte la crescita è sotto gli occhi: elevata offerta teatrale e progettualità che guarda al futuro, investendo sui giovani e ricercando collaborazioni importanti, come con la Scuola di recitazione della Calabria».

(FONTE GAZZETTA DEL SUD)

E’ stata presentata in Consiglio regionale la XVII Edizione della Stagione Teatrale del Teatro Gentile di Cittanova, promossa dall’Associazione Culturale Kalomena presieduta da Girolamo Demaria e patrocinata e sostenuta dal Comune di Cittanova, dal Consiglio regionale, dalla Città Metropolitana e dalla Banca di Credito Cooperativo di Cittanova.

“Con ancora impressi i successi e i numeri da record della scorsa edizione – ha esordito Girolamo Demaria – ci apprestiamo a ripartire con una Stagione ancora più ricca ed un cartellone trasversale, che contiene una pluralità di proposte e contenuti”.

“È un evento – ha detto il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto – di rilevanza regionale. È da cinque anni che il Consiglio patrocina questa manifestazione che registra anche quest’anno un’ulteriore crescita sia in termini di quantità che di qualità e rappresenta un’importante offerta culturale e teatrale per Cittanova, ma è un’offerta che guarda e vuole guardare a tutta la regione”.

“A Cittanova – ha affermato il delegato della Città Metropolitana Demetrio Marino – è stato creato un modello che stiamo mutuando sul resto del territorio”.

“Il teatro – ha dichiarato il sindaco di Cittanova, Francesco Cosentino – è uno dei motori, degli attrattori culturali per la nostra cittadina, ma posso dire anche per tutta la Calabria”.

Direttore artistico della rassegna è Antonio Salines, protagonista, assieme a Francesca Bianco, dell’opera di Dario Fo, “Chi ruba un piede è fortunato in amore”. Primo appuntamento della stagione che vedrà sul palcoscenico del Teatro Gentile di Cittanova attori e attrici come Raoul Bova e Rocìo Munoz Morales, Alessandro Preziosi, Sebastiano Lo Monaco, Nancy Brilli, Tosca D’Aquino, Rossella Brescia e Biagio Izzo; autori come Michele Mirabella con l’Orchestra Mercadante. Il 28 dicembre evento musicale straordinario con la Pfm (Premiata Forneria Marconi) che canta De André, tappa finale del loro tour in giro per l’Italia.

All’interno della rassegna anche una parentesi con il CabaretFest, tre spettacoli dedicati al cabaret con Paolo Migone, Paolo Cevoli e Giobbe Covatta, ed una che vedrà protagonisti gli allievi della Scuola di recitazione della Calabria, quest’anno partner del Giffoni Film Fest, “con uno spettacolo, ‘Dedalo’ – ha spiegato Walter Cordopatri – che vuole richiamare l’esperienza del teatro civile”.

Proseguirà anche l’esperienza del Progetto Teatro Studenti, che prevede alcune matinée per gli studenti delle scuole superiori del territorio.

“È un grande risultato essere arrivati a questo punto – ha sostenuto il direttore artistico della rassegna Antonio Salines – e siamo molto contenti dei risultati raggiunti, e del riscontro di pubblico che offre Cittanova, che vogliamo diventi un centro di produzione teatrale. In Calabria non esistono teatri stabili, piccoli teatri che producono. E per noi sarebbe un punto di arrivo entusiasmante”.

 

La campagna abbonamenti si svolgerà presso il Teatro Gentile di Cittanova a partire da sabato 28 settembre.

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.