Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

BENESTARE: “CATOJA IN FESTA” IL GIORNO DOPO

97

Fanno già parte della memoria dei benestaresi puro sangue che amano il proprio paese e delle centinaia e centinaia di turisti che hanno visitato i “Catoja” in queste ultime notti nel ricordo delle generazioni passate che ci hanno lasciato, con la loro cultura contadina, piatti poveri e gustosissimi, che sono stati molto apprezzati dagli oltre 10 mila visitatori che in una settimana hanno affollato quasi tutti i punti di ristoro. I Catoja sono un monumenmto alla nostra storia, una pagina del nostro passato attualizzata in chiave turistica che, certamente, proietterà il nome di Benestare tra le pagine dei giornali di tutta la Regione e non , in attesa di riconoscimenti da culture più importanti e guide turistiche che lo conscrino anche su scala nazionale. Fino alle prime luci dell’alba c’erano ancora visitatori forestieri che hanno reso onore alla nostra tavola casalinga. Il Sindaco ha chiuso la manifestazione in Piazza Terrata, adiacente alla chiesa, ringraziando tutti i suoi collaboratori, i visitatori e le forze dell’ordine, tra gli applausi di un gruppo abbastanza nutrito di forestieri e di cittadini benestaresi. L’appuntamento è per il prossimo anno, con l’augurio che qualche catojio, particolarmente affollato in tutte le serate , che ha servito maccheroni ai funghi e delizie del maiale cotto nella caldaia, voglia raccogliere l’invito di tanti suoi estimatore di aprire il suo locale anche nei mesi estivi. E’ solo una boutade. Ma forse il ricordo più bello rimane la tarantella ballata dall’una di notte in poi in Piazza Matrice davanti alla Chiesa della Madonna del Rosario da una festosa brigata di ragazzine, formando una ruota per tutta la piazza, forse ad indicare che la tarantella è festa, la tarantella è vita.

FRANCO BLEFARI

Facebook Comments



Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.