IL SINDACATO DEI VIGILI DEL FUOCO DELL’USB DELLA CALABRIA: SI APPELLA AI COLLEGHI VIGILI DEL FUOCO EUROPEI E MONDIALI

202

Abbiamo scritto una nota alle delegazioni dei Vigili del Fuoco europei per trovare un momento di sintesi sui soccorsi in Europa.

Capire come sono organizzati, quali sono le loro difficoltà in questo sistema che ogni giorno ci appare sempre più aggrovigliato da circolari direttive ed associazioni che nascono e muoiono in un mese sostenute dal politico di turno che pensano che il soccorso sia qualcosa che si inventa al momento senza formazione.

Non pensavamo mai di arrivare a questo punto, di sentirci appunto così soli ed abbandonati in tutti i sensi, da politici e dai vari governanti italiani che si susseguono – purtroppo la situazione per noi Vigili del Fuoco è diventata davvero insostenibile ed invivibile. Non vogliamo entrare in merito nelle ridicole azioni di poltrona che la politica italiana sta elaborando ultimamente, con appunto la recita di una grandissima sceneggiata da palcoscenico che bada solo agli interessi del singolo preoccupato dalle tornate elettorali e non del paese che va a rotoli.

Politica che mette in secondo piano gli operatori del soccorso tecnico urgente e cioè noi Vigili del Fuoco. Ma vogliamo far conoscere a tutto il mondo e a tutti i pompieri, quello che viviamo noi Vigili del Fuoco italiani giornalmente. Cominciamo proprio dicendo che mentre le nostre mani bruciano e non solo, DPI inadeguati roba da ”cineseria” –  noi pompieri italiani siamo scoperti dall’INAIL (cioè non abbiamo nessuna copertura assicurativa), – inoltre non rientriamo nella categoria del lavoro altamente e particolarmente usurante – i nostri salari sono i più bassi di tutti i pompieri d’Europa e del mondo e soprattutto abbiamo all’incirca ottomila precari che stanno attendendo la loro assunzione definitiva (specificando che anche la Commissione Europea si è espressa in merito a questi lavoratori precari storici, su richiesta di noi Vigili del Fuoco dell’Unione Sindacale di Base della Calabria, costatando appunto l’abuso  dell’Italia nei loro confronti). Per tutte queste serissime problematiche, per la politica di ieri e quella di oggi, la risposta è sempre la stessa: «…se ne parla alla prossima legge di bilancio…», vogliamo specificare ed evidenziare che ne sono passate di leggi di bilancio durante gli anni, ma per quanto riguarda i Vigili del Fuoco non è stato fatto nulla, ora vogliamo sapere quante leggi di bilancio devono passare ancora, affinché vengano dati i diritti ai lavoratori che giornalmente portano il soccorso all’intera popolazione italiana senza diritti e nessuna tutela?

I Vigili del Fuoco italiani sono sotto la catena di comando del Ministero dell’Interno, un Ministero appunto complice e bendato, che non fa alcun tipo di pressione alla politica agli organi competenti per tutelare i suoi lavoratori, niente contratti di lavoro ma contentini ad personam per tenere buono il popolino.

Anzi c’è molto di più, nell’ultimo decreto sicurezza, a firma dell’ex Ministro dell’Interno Salvini, per i pompieri italiani non c’è stato nulla, se non precarizzare ancora di più ed aumentare il carico di lavoro di noi lavoratori dei Vigili del Fuoco – ha confermato la linea della precarietà altri soldi di straordinario per sostenere la campagna antincendio estiva!!!

Ma non è finita qui colleghi e pompieri di tutto il mondo,  l’Italia secondo gli istituti nazionali, europei e mondiali competenti è il paese più a rischio di catastrofi, alluvioni, terremoti, ecc.., la grandissima carenza di organico presente esiste ormai da decenni,  di conseguenza questa carenza comporta il mancato rispetto degli standard europei del soccorso tecnico urgente che ci danno per l’ennesima volta ragione, infatti nelle nazioni facenti parte dell’UE il rapporto è di un pompiere ogni mille abitanti, diversamente in Italia questo rapporto è di un pompiere ogni sedicimila abitanti e soprattutto lo stesso standard europeo parla di sessantamila pompieri permanenti su tutto il territorio nazionale, in Italia il personale operativo non arriva neanche alla metà dello stesso standard europeo. Nonostante i nostri solleciti agli organi competenti del Governo italiano e del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, nessuno ha mai preso in seria considerazione questo scenario nella sua totalità, pertanto abbiamo inviato una nota alle componenti che si occupano di soccorso in Europa per un tavolo di discussione per portare avanti una battaglia al fine di garantire il soccorso tecnico che ormai langue da anni. riteniamo che: non siamo numeri dai quali estrapolare una lista da spuntare nel corso degli anni, e da poter mettere negli appunti delle cose da fare entro breve, siamo una priorità per la popolazione, e come in ogni altro paese del mondo il soccorso alla popolazione deve essere al primo posto degli interessi di tutti.  Cercheremo di unire più enti che si occupano di soccorso affinché le priorità vengano ristabilite. Per il momento attendiamo risposte oltre le alpi!!

#USBSIAMOTUTTIVIGILIDELFUOCOITALIANI

 

Italia – Catanzaro, 24/10/2019                                per Il Coordinamento Regionale Vigili del Fuoco USB Calabria

Silipo Giancarlo

Facebook Comments



CHIUDI
CHIUDI
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.